Immigrazione arrogante e Stato inefficiente

L'aggressore marocchino si sente impunito: "Ti spacco la faccia. Che mi frega della Polizia"

Un operatore di Biella è stato aggredito da un immigrato che stava per soccorrere. Nell'audio si avvertono distintamente le minacce. Il soccorritore al Populista: "Sapeva che non avrebbe subìto alcuna conseguenza"

Marco Dozio
L'aggressore marocchino si sente impunito: "Ti spacco la faccia. Che mi frega della Polizia"

Alzarsi alle 3.30 del mattino per andare a fare il proprio lavoro, che consiste nell’assistere una persona momentaneamente in difficoltà. E per tutta risposta ricevere minacce e insulti. Un'aggressione. Nella notte tra il 31 ottobre e il 1 novembre nei dintorni di Biella, un marocchino ha minacciato e aggredito un soccorritore stradale che era andato a recuperare la sua auto in panne. L’uomo per tutelarsi a un certo punto ha registrato alcune fasi concitate. Emerge quanto l’immigrato si sentisse sostanzialmente intoccabile, quanto agisse nella convinzione di restare impunito. Come poi è effettivamente successo. 

Nell’audio si avvertono distintamente frasi come “Se vuoi ti spacco la faccia, cazzo me ne frega a me”. E ancora: “Chiama la polizia o i carabinieri se vuoi, non me ne frega un cazzo”. L’operatore, chiedendo l’anonimato per motivi intuibili, ha raccontato al Populista.it quei momenti di sgomento e paura: “La notte di Halloween sono stato allertato per recuperare questa persona rimasta in mezzo alla strada. Appena sono riuscito a capire dove si trovasse, per via della sua difficoltà a comunicare con un telefono scarico, l’ho raggiunto col camion nel giro di 10 minuti”. 

Arrivato sul posto, l’accoglienza è stata sorprendente. “Era scontroso, molto probabilmente alterato dall’alcol. In un primo momento non ci ho fatto caso. Poi mi sono offerto di prestargli il telefono per chiamare qualcuno che venisse a prenderlo, avendo lui problemi con il suo cellulare. Ho aggiunto che l’avrei comunque accompagnato al deposito e che la macchina l’avrebbe potuta ritirare dopo un due giorni, essendoci la pausa festiva. A quel punto, quando ha sentito che avrebbe dovuto aspettare due giorni per l'auto, è andato in escandescenza e si è buttato in mezzo alla strada rischiando di essere investito. C’era una nebbia fittissima”.

Il soccorritore decide di chiamare i carabinieri, mentre la situazione degenera in un’aggressione: “Lui mi ha spintonato, ha spaccato il mio telefono ed è salito sul camion rubandomi le chiavi del carroattrezzi”. Ed qui che l’operatore comincia a registrare, cercando nel contempo di calmare il marocchino: “Faccio questo lavoro da 20 anni ma non ho mai visto niente di simile. Il marocchino ha minacciato di spaccarmi la faccia dicendo che a lui non fregava nulla della polizia. Non voleva in nessun modo scendere dal camion”. Nel frattempo arriva un amico dell’immigrato che cerca di mediare. “Il marocchino è sceso dall’abitacolo per salire sul carroattrezzi brandendo un cacciavite”. 

Sul posto sono intervenuti i carabinieri che però non hanno potuto effettuare nemmeno l’alcoltest: “Mi hanno detto che se l’avessero fatto un giudice avrebbe potuto invalidare il risultato perché l’uomo non era più alla guida dell’auto e dunque avrebbe potuto ubriacarsi mentre la macchina era ferma”. Il marocchino se l’è cavata senza alcuna conseguenza, come del resto immaginava. Non è stato arrestato e nemmeno denunciato. Solo identificato: “Non me la prendo con i militari, è lo Stato che funziona in modo ridicolo. Il marocchino sapeva benissimo che sarebbe stato impunito. Mi chiedo se questo è il modo di tutelare i cittadini italiani”.E per finire la beffa delle beffe: "L'uomo è tranquillamente tornato a casa con la moglie. E guidava lui".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Vota il tuo mini Bot: quale preferisci?
Il concorso lanciato da Claudio Borghi

Vota il tuo Mini BOT: quale preferisci?

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"
stupro di rimini, l'avvocatessa buonista

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU