GALLERY / Il racconto dell'aggressione

Padova, marocchino picchia due anziani e un cane: arrestato, il giudice lo libera

Il 65enne, massacrato a pugni in faccia dal clandestino: "Quel violento già libero, una presa in giro. Sapeva che sarebbe uscito subito. Mi blindo in casa"

Redazione

Deluso e amareggiato, da uno Stato che protegge i delinquenti e si fa beffe della gente onesta. Non ci sono altre parole per descrivere lo stato d'animo di Giampiero, il 65enne padovano che, per difendere un'anziana e il suo cagnolino vittime dell'ira di un immigrato marocchino, è stato massacrato di botte e ora si ritrova, con un'occhio bendato e dolorante, a chiedersi come mai quel delinquente sia già stato liberato. A mezzogiorno e quaranta di sabato scorso, in Via Altinate, un fiume di persone stava dirigendosi verso il centro della città del Santo. Una signora settantenne con il suo cane al guinzaglio stava camminando sul marciapiede, quando un ragazzo di colore, in bici, le ha tagliato la strada all'improvviso, rischiando di investirla. Lei ha alzato il braccio, gridando: "Impara l'educazione".

L'immigrato, invece di tirare dritto torna indietro infuriato e inizia a prendere a calci il cagnolino, che cercando di fuggire trascina a terra l'anziana. Allora il giovanotto prende a calci anche lei, prima di inforcare la bicicletta e tentare di scappare. Sulla sua strada, in mezzo a decine di persone, trova però Giampiero, un uomo di 65 anni che lo afferra per un braccio e prova a fermarlo, mentre altri intorno si attaccano al telefono per chiamare la Polizia. Il nordafricano è incontenibile e prende l'anziano a pugni in faccia, fino a ridurlo a una maschera di sangue. I passanti si fermano a guardare e urlano senza però immischiarsi per paura di essere a loro volta colpiti, finché non arrivano due pattuglie della Polizia, una della Squadra volante e l'altra del Reparto prevenzione crimine.

Gli agenti si gettano addosso al picchiatore, lo bloccano e lo portano in Questura dove scoprono chi è. Si tratta di Essalihi Tarik, marocchino 39enne con permesso di soggiorno scaduto nel 2014 e quindi clandestino, senzatetto e senza un lavoro. La polizia lo arresta con l'accusa di lesioni gravi e maltrattamento di animali. L'anziana proprietaria del cane si rinchiude in casa colpita da crisi di panico. Giampiero, l'uomo che ha provato a difenderla, trascorre una giornata intera in ospedale, con la bocca rotta e gli zigomi gonfi a causa degli ematomi. Il pm chiede la misura di custodia cautelare in carcere per Tarik, che si avvale della facoltà di non rispondere. I reati che gli vengono contestati (lesioni personali aggravate da futili motivi) non superano però i tre anni di pena.

Risultato? Il giudice del tribunale decide che due notti in carcere sono sufficienti, così lunedì libera il marocchino senza nemmeno emettere nei suoi confronti un provvedimento di espulsione. Giampiero, dolorante, decide di chiamare un fabbro per blindare porte e finestre e fa installare sensori d'allarme a casa, nel terrore che Tarik possa tornare da lui a completare l'opera, intanto rilascia alcune dichiarazioni ai quotidiani locali: "Mi hanno dato solo 20 giorni di prognosi, se me ne davano 25 magari restava dentro un po' di più". Amarezza che si alterna alla delusione per una giustizia ingiusta: "Una beffa, la solita beffa. Del resto, chi si aspettava qualcosa di diverso? Non certo io. Infatti, vede cosa sto facendo?". Sta trasformando casa sua in una gabbia, chissà quando ne uscirà più.

Nel mirino anche l'amministrazione comunale a guida Pd: "E chi si sente più sicuro in questa città? Quell'individuo era un fantasma. Clandestino dal 2014. Ora lo mollano e torna libero. Una presa in giro". La notizia si diffonde in giro, amplificata dai social network. Tarik Essalihi, il marocchino che sabato a mezzogiorno ha massacrato due anziani e picchiato un cane in Via Altinate, è tornato libero. "Non mi vergogno a dirlo, io ho paura" spiega Giampietro. "Era una giornata stupenda e così siamo stati in centro a fare due passi" racconta, con accanto la moglie. "A quell'ora stavamo tornando al silos di Via Gozzi, dove avevamo lasciato l'auto. Quando ho visto quel ragazzo prendere a calci il cane dell'anziana, con la povera donna a terra, non ce l'ho fatta a star fermo" spiega, emozionato.

"Non credo di meritare encomi o riconoscimenti. Chiunque abbia un po' di senso civico si sarebbe comportato come me". Giampiero è un ex magazziniere in pensione. Ha un fisico robusto ma si è trovato a fronteggiare una persona con trent'anni in meno di lui, fuori di sé, ed ha avuto la peggio. "Subito mi ha sferrato un pugno in faccia e poi, non contento, una testata. Guarda qua come mi ha ridotto. E quando l'hanno fermato i poliziotti? Un agnellino. Lui sapeva già che sarebbe uscito entro pochi giorni". Lui e la signora anziana aggredita si sono scambiati il numero di telefono, per potersi parlare, per incoraggiarsi in questo momento difficile: la loro città sembra essere diventata ostile e ormai, da quando governa la sinistra, non passa giorno senza che avvenga un episodio violento.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Roma, senegalese tenta di stuprare una donna. Gli inquilini lo fanno arrestare
allupato come una bestia, salta addosso a quarantenne

Roma, senegalese tenta di stuprare una donna. Gli inquilini lo fanno arrestare

Roma, senegalese tenta di stuprare una donna. Gli inquilini lo fanno arrestare
allupato come una bestia, salta addosso a quarantenne

Roma, senegalese tenta di stuprare una donna. Gli inquilini lo fanno arrestare


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU