GERMANIA BUONISTA

Clandestini stuprano una giovane attivista, lei risponde: "Grazie di esistere"

La giovane politica Selin Goren nella bufera per aver accusato alcuni connazionali di aver abusto di lei, per nascondere l'origine etnica di alcuni clandestini, veri colpevoli

Fabio Montoli

Era arrivata ad accusare dei connazionali tedeschi pur di coprire il gruppo di clandestini che avevano abusato di lei. Quello che lascia scioccati è che, la giovane Selin Goren, lanci appelli come "la mia porta è aperta" o "tu sei una persona meravigliosa", o ancora peggio "Danke, dass es dich gibt, und schön, dass du da bist". Riassumendo, "grazie di esistere".

A gennaio la Goren aveva sporto denuncia alla polizia di Mannheim, nel land del Baden-Wuttember, per violenza sessuale. Agli agenti disse di essere stata aggredita da uomini che parlavano tedesco, ma solo a luglio ha confessato allo Spiegel che gli autori di quella violenza, in realtà, erano stranieri.

Immigrati clandestini probabilmente arabi o iraniani, che lei avrebbe coperto per non alimentare ostilità e pregiudizi contro i richiedenti asilo, che in Germania sono da tempo oggetto di diversi attacchi razzisti da parte di estremisti di destra. La Goren, peraltro, lavora a Mannheim come portavoce del movimento giovanile di sinistra Solid, e attivista a favore dei diritti degli immigrati.

Solo ora, però, Selin Goren ha preso coraggio e ha scritto su Facebook una lettera a un immaginario immigrato: "Mi spiace molto che il tuo atteggiamento sessista e prevaricatore nei miei confronti possa fomentare il razzismo verso gli immigrati - scrive sulla sua pagina la giovane politica - non me ne starò più in silenzio a guardare, e sì, può succedere che cittadini razzisti e preoccupati facciano di te il problema. Tu non sei il problema. Tu sei un essere umano meraviglioso che merita come chiunque altro di vivere una vita sicura e libera. E io non me ne starò in silenzio a guardare che altri cittadini razzisti e preoccupati facciano di te il problema. Grazie di esistere".

Il motivo che, ad uno stupro di gruppo una attivista reagisca con un "siete meravigliosi, grazie di esistere", ce lo possiamo anche immaginare, ma ci rifiutiamo di scriverlo. Quello che crediamo è che, l'eccessivo buonismo di chi finge di non capire che questi atteggiamenti non mettono in pericolo solamente il singolo individuo che, per scelta decide di omettere una denuncia di violenza, di aggressione o di furto che sia, mettono in pericolo, in realtà, l'intera comunità e l'intera "vera accoglienza".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU