SCHEGGE DVRACRVXIANE

Danno addosso al governo con diversivi economici, ma dietro c’è sempre e solo la loro ossessione per i migranti

0
Helmut Leftbuster

Helmut Leftbuster

Helmut Leftbuster nasce a Roma abbastanza tardi da essersi goduto i mefitici effluvi scolastici e universitari del ’68. Nella vita non scrive (semmai parla!), ma lo fa per passione e missione, essendo un convinto assertore di quelle libertà di pensiero e di opinione che, ben 3000 anni dopo Atene e Roma, vengono messe sotto assedio da una sorta di Pensiero unico depressivo, nichilista e soprattutto antidemocratico.

Il suo nome nasce dal connubio fra l’aulicità del romanticismo nibelungico e lo humor “trash” col quale Egli si rende guastatore delle peggiori ipocrisie progressiste e radical-chic.

Il “castigat ridendo mores” contraddistingue da sempre il tenore tematico e stilistico sia delle sue collaborazioni (Qelsi, Arianna Editrice e, ora, anche Il Populista) sia della gestione del blog che coordina, Aristocrazia Dvracrvxiana, ove si ciondola dal ghibellinismo dantesco (la “Dvra Crvx” del Poeta e non la “moscia crux” di 4 fricchettoni post-conciliari) a ricette gastronomiche identitarie messe a tavola per onorare  contadini e pastori nostrani ed indurre giovanissimi e massaie a dire "basta!" a venefiche porcherie sottocosto globalizzate e a cazzarate eque e solidali.

Il suo motto è «alla "povertà" si guarda, non si crede».

La sinistra, finora, ha sempre attaccato “i populisti” sul tema dell’accoglienza; e ci ha perso le elezioni. Gli stessi elettori l’hanno accusata di aver sbagliato tattica nel palesare la propria ostilità verso gli Italiani per favorirne la sostituzione etnica; insomma, i sinistrozzi dovevano essere più furbi e perlomeno non farsi sgamare nei loro macabri intenti d’estinzione dell’italianità.

 

Così, ora che gli estinti rischiano d’esser loro, tentano ogni diversivo possibile: anziché continuare con la politica suicida dell’attaccare il governo sul tema dell’immigrazione, lo attaccano su temi che sono realmente cari al popolo italiano, facendo quindi leva sugli interessi diretti della gente; ma, dal momento che ora c’è per davvero un governo filo-italiano, non possono che improvvisare qualche bufala delle loro affinché qualche sfigato li ascolti (alcune delle quali esposte nella carrellata fotografica allegata all’articolo).

 

E poiché sono anche dei pessimi attori, ogni 3 parole messe in fila per criticare il programma di governo, si lasciano scappare di bocca “i migranti”. E’ più forte di loro parlarne e quindi non c’è rischio che riescano a celare l’effettivo movente della loro ostilità all’esecutivo giallo-verde: aver invertito la marcia del progetto sostituzionista.


Argomenti preferiti? Quelli che più toccano il culo della gente e dei quali quindi, sinora, la sinistra si era sempre disinteressata: tasse, sanità, istruzione.

Ed ecco che fioccano interviste a tecnici, esperti, artisti, filosofi e preti tutti concordi nel considerare fallimentare una politica sovranista, cosicché gli elettori si spaventino di catastrofi, fallimenti bancari e avvistamenti di ufo, e rivedano le loro posizioni elettorali.


In realtà tutto ciò significa solo due cose: 1) quanto il mondialismo sia riuscito, in tutti questi anni, ad inserire i propri agenti all’interno dei gangli amministrativi, tecnici e mediatici del Paese; 2) che, a dimostrazione del fatto che quello attuale è realmente un governo democratico, anziché fare purghe, esso lascia parlare e incassa le critiche rispondendo coi fatti.


A questo punto ci resta solo il compito di tenere acceso il cervello su quanto ampio, trasversale e malevolo verso l’italianità degli Italiani sia il mega-fronte anti-sovranista.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU