Il ricatto del dittatore

La Turchia minaccia: "Senza esenzione dei visti, riempiremo l'Europa di immigrati"

Il ministro degli Esteri di Erdogan annuncia che se i cittadini turchi non potranno circolare liberamente nell'Unione europea, salterà l'intesa sui rifugiati

Redazione
La Turchia minaccia: "Senza esenzione dei visti, riempiremo l'Europa di immigrati"

Il premier turco Recep Tayyip Erdogan. Foto ANSA

Se i cittadini turchi non saranno esentati dal visto per entrare nell'Ue entro ottobre, la Turchia non riconoscerà più la convenzione con Bruxelles sui rifugiati, firmata lo scorso 18 marzo, facendo saltare l'intesa che ha fermato l'invasione dell'Europa. È l'ultimatum che il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu affida alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei quotidiani più influenti della Germania. Nell'intervista, Cavusoglu sottolinea come la convenzione sui rifugiati funzioni "perché la Turchia ha intrapreso misure serissime". Ma tutto questo, ammonisce, avviene ad una condizione, che secondo il ministro degli Esteri turco è già esplicitamente prevista dall'accordo tra Bruxelles ed Ankara con cui la Turchia si impegnava a trattenere i rifugiati nel suo territorio, previo il versamento di un sostanzioso contributo dall'Europa: "Dipende dall'esenzione dei visti per i nostri cittadini".

Tra i Paesi meno inclini all'esenzione del visto per i turchi che intendano entrare in Europa c'è la Germania, dove i turchi sono circa tre milioni. Proprio in questi giorni nel Paese ferve un dibattito, alimentato dalla Csu bavarese a seguito degli attentati di Monaco e Ansbach, sull'opportunità che Berlino ponga fine alla possibilità per i turchi di avere la doppia cittadinanza. Il ministro Cavusoglu afferma che la sua "non è una minaccia". Tuttavia sa perfettamente di avere il coltello dalla parte del manico, soprattutto nei confronti di una Germania scossa dal fatto che due sanguinosi attentati nel suo territorio rivendicati dall'Isis siano stati perpetrati proprio da rifugiati. Per questo il capo della diplomazia turca puntualizza: "Se non si arriva alla liberalizzazione dei visti dovremo ricusare l'accordo sui rifugiati", e dice di aspettarsi "un termine fisso", a partire dal quale i turchi non avranno più bisogno del visto per entrare in Ue: "Puo' essere inizio o metà ottobre, ma ci aspettiamo una data fissa".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"
Il tycoon reagisce alle polemiche

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va
in crollo verticale nei sondaggi

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU