Scotland Yard lancia l'allarme

Terrorismo, il Regno Unito teme un attentato: "È solo questione di tempo"

La polizia britannica indaga su quattro piani d'attacco. Tra i possibili bersagli degli jihadisti ci sono stadi e centri commerciali. Sicurezza rafforzata

Redazione
Terrorismo, il Regno Unito teme un attentato: "È solo questione di tempo"

Il quartier generale della polizia a Londra. Foto ANSA

Il Regno Unito ha paura e teme che presto dopo la Francia e la Germania il terrore di matrice islamista possa tornare a colpire in patria. "È solo una questione di tempo", ha scritto sul Mail on Sunday, per poi essere ripreso dagli altri media, Sir Bernard Hogan-Howe, il capo di Scotland Yard, la polizia di Londra che è anche responsabile del servizio di anti-terrorismo in tutto il Paese. Il suo allarme è da prendere sul serio, ancora di più se si considera che le autorità indagano su almeno quattro piani di attacco "in corso", ovvero che potrebbero ben presto diventare realtà nel caso in cui non si riuscisse a sventarli. Il livello di allerta resta sempre il secondo più elevato, "grave", con segnala un attentato "altamente probabile". Per Hogan-Howe non è quindi un problema di "se" l'attacco ci sarà ma "quando".

"Con ogni nuova violenza, in particolare quelle perpetrate in Europa, cresce il sentimento di paura per il fatto che la Gran Bretagna possa essere la prossima vittima in quest'ondata di stragi crudeli e senza senso", ha affermato il comandante della Met Police. Ha cercato quindi di rassicurare i cittadini, affermando che tutte le misure sono state prese per contrastare l'attività terroristica, ma ha anche ammesso che prima o poi qualcuno riuscirà a colpire. Scotland Yard non resta a guardare: il numero degli agenti armati nella forza di polizia è quasi quintuplicato, passando da 600 a 2.800. Le pattuglie coi fucili automatici spianati sono visibili girando nel centro di Londra e negli aeroporti, e la sicurezza è stata aumentata anche nei centri commerciali, in particolare quelli della catena Westfield. I rischi che corre il Paese sono più che mai reali se si considera, come ha riferito una fonte dell'anti-terrorismo al Sunday Times, che polizia ed MI5 sono impegnati nello sventare almeno quattro piani di attacco dei quali, per ovvie ragioni di sicurezza, non sono stati rivelati dettagli.

Secondo il domenicale, inoltre, siamo di fronte a una crescita dell'integralismo "senza precedenti" nel Regno. "C'è una inarrestabile marcia verso un attentato in Gran Bretagna", ha commentato una fonte governativa. "Lo avrei detto anche prima di questi attacchi (in Francia e Germania)". Fino ad ora, come ha ricordato il capo di Scotland Yard, dall'uccisione del soldato Lee Rigby nel 2013, sono stati sventati diversi attacchi nel Regno, fra cui uno contro gli agenti della polizia di Shepherd's Bush, nell'ovest di Londra, e uno contro i militari Usa di base nella regione dell'East Anglia. Ma le minacce contro la Gran Bretagna, in particolare da parte dell'Isis, sono continue. Nei giorni scorsi il tabloid The Sun ha rivelato che un membro del cosiddetto Stato islamico ha cercato di convincere un sedicente lupo solitario a colpire nelle strade di Londra con una autobomba. Un reporter del tabloid si era finto un aspirante terrorista e ha dialogato tramite l'applicazione Telegram con un reclutatore jihadista. Ma la prossima volta al posto del giornalista ci potrebbe essere qualcuno intenzionato a fare una strage.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"
Il tycoon reagisce alle polemiche

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va
in crollo verticale nei sondaggi

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU