Sesso con la schiava? Adesso c'è un manuale (Isis)

Califatto: "La schiava io ce l'ho e tu no..."

Sono il premio per i combattenti del Califfato: donne e bambine ridotte in schiavitù, da sfruttare per il proprio piacere corporale. Se vi sembra impossibile, sappiate che esiste persino un manuale di istruzioni per l'uso...

Redazione
Califatto:

Foto ANSA

Sembrava impossibile, fantascienza, Medioevo e invece è successo pure questo: una fatwa, cioè un pronunciamento giuridico, per regolare i rapporti sessuali con le schiave nel mondo islamico

I teologi dell'Isis hanno imposto diversi precetti estremamente dettagliati rivolti ai miliziani su come trattare le donne "in loro possesso", in un apparente tentativo di frenare le violazioni della legge islamica. I documenti portano in realtà alla luce il tentativo dell'Isis di reinterpretare gli insegnamenti secolari islamici per giustificare la schiavitù sessuale delle donne nei territori conquistati in Iraq e Siria.

A rivelare la fatwa è stata la Reuters, che ha ottenuto i documenti recuperati dalle forze speciali statunitensi durante un raid in Siria, nel quale è stato ucciso Abu Sayyaf, leader dell'Isis, e catturata la moglie Umm Sayaff, a cui era affidato il compito di gestire le schiave. Le Nazioni Unite e le organizzazioni che si battono per la difesa dei diritti umani hanno accusato l'Isis di rapimento e violenza su migliaia di donne e bambine, soprattutto delle minoranze etniche, date in premio o vendute ai combattenti. La fatwa numero 64, datata 29 gennaio 2015, sembra essere la prima a codificare le relazioni sessuali tra i combattenti e le donne catturate. C'è il divieto per un padre e un figlio di avere rapporti sessuali con la stessa schiava e per il 'proprietario' di una madre e di sua figlia di averne con entrambe.

Poi ancora: "Non si possono avere rapporti con una donna con il ciclo mestruale", "è vietato fare sesso anale con una prigioniera", "se è incinta, non si può fare sesso con lei fino al parto" e "non le si può causare un aborto". In tutto, 15 indicazioni sul comportamento da tenere, tra cui si legge anche che "se due o più individui comprano insieme una prigioniera, nessuno di loro può avere rapporti con lei perché è proprietà condivisa". Gli ultimi due precetti invitano infine a "mostrare compassione, comportarsi bene con lei, non umiliarla" e a "non venderla a un individuo che sai che la tratterà male".

Ascoltato dalla Reuters, il professore Abdel Fattah Alawari, preside di Teologia islamica all'università Al-Azhar del Cairo, sostiene che lo Stato Islamico "non ha nulla a che vedere con l'Islam" e sta deliberatamente reinterpretando norme a proprio uso e consumo.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia
Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU