Sesso con la schiava? Adesso c'è un manuale (Isis)

Califatto: "La schiava io ce l'ho e tu no..."

Sono il premio per i combattenti del Califfato: donne e bambine ridotte in schiavitù, da sfruttare per il proprio piacere corporale. Se vi sembra impossibile, sappiate che esiste persino un manuale di istruzioni per l'uso...

Redazione
Califatto:

Foto ANSA

Sembrava impossibile, fantascienza, Medioevo e invece è successo pure questo: una fatwa, cioè un pronunciamento giuridico, per regolare i rapporti sessuali con le schiave nel mondo islamico

I teologi dell'Isis hanno imposto diversi precetti estremamente dettagliati rivolti ai miliziani su come trattare le donne "in loro possesso", in un apparente tentativo di frenare le violazioni della legge islamica. I documenti portano in realtà alla luce il tentativo dell'Isis di reinterpretare gli insegnamenti secolari islamici per giustificare la schiavitù sessuale delle donne nei territori conquistati in Iraq e Siria.

A rivelare la fatwa è stata la Reuters, che ha ottenuto i documenti recuperati dalle forze speciali statunitensi durante un raid in Siria, nel quale è stato ucciso Abu Sayyaf, leader dell'Isis, e catturata la moglie Umm Sayaff, a cui era affidato il compito di gestire le schiave. Le Nazioni Unite e le organizzazioni che si battono per la difesa dei diritti umani hanno accusato l'Isis di rapimento e violenza su migliaia di donne e bambine, soprattutto delle minoranze etniche, date in premio o vendute ai combattenti. La fatwa numero 64, datata 29 gennaio 2015, sembra essere la prima a codificare le relazioni sessuali tra i combattenti e le donne catturate. C'è il divieto per un padre e un figlio di avere rapporti sessuali con la stessa schiava e per il 'proprietario' di una madre e di sua figlia di averne con entrambe.

Poi ancora: "Non si possono avere rapporti con una donna con il ciclo mestruale", "è vietato fare sesso anale con una prigioniera", "se è incinta, non si può fare sesso con lei fino al parto" e "non le si può causare un aborto". In tutto, 15 indicazioni sul comportamento da tenere, tra cui si legge anche che "se due o più individui comprano insieme una prigioniera, nessuno di loro può avere rapporti con lei perché è proprietà condivisa". Gli ultimi due precetti invitano infine a "mostrare compassione, comportarsi bene con lei, non umiliarla" e a "non venderla a un individuo che sai che la tratterà male".

Ascoltato dalla Reuters, il professore Abdel Fattah Alawari, preside di Teologia islamica all'università Al-Azhar del Cairo, sostiene che lo Stato Islamico "non ha nulla a che vedere con l'Islam" e sta deliberatamente reinterpretando norme a proprio uso e consumo.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Silvio bye-bye: "Se vai con Renzi ti molliamo"
Grossi guai per gli inciucioni

Silvio bye-bye: "Se vai con Renzi ti molliamo"

La Kyenge gonfia il petto e sbraita contro la Lega
Un bel tacer non fu mai scritto

Kyenge alla riscossa. Contro la Lega

Il "Nobel per la pace" cerca la Terza Guerra Mondiale
obama ammassa truppe al confine russo

Il "Nobel per la pace" cerca la Terza Guerra Mondiale?

Colpo di stato in Libia, occupati tre Ministeri a Tripoli
e ora ci manderanno tutti i clandestini

Colpo di stato in Libia, occupati tre Ministeri a Tripoli


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU