l'approfondimento: le tong a casa nostra

Le Triadi cinesi: chi e cosa sono

Una vera e propria società parallela organizzata alla perfezione e nascosta dietro l'associazione "La Città del Cervo Bianco". Il gruppo criminale cinese si occupava di indagini, giustizia, pena e prevenzione. Specializzati in ronde e spedizioni punitive

Fabio Montoli
Le Triadi cinesi: chi e cosa sono

Siamo abituati a vederli ovunque, come le formiche, calmi e silenziosi, con lo sguardo basso e molto discreto. Quasi paurosi. Li conosciamo come i protagonisti della manodopera a basso costo, della contraffazione d’autore e con negozietti e bar, ormai, sparsi ovunque in ogni città. Macché. Le leggende, un po' metropolitane e un po' no, iniziano a prendere consistenza e forma, come un bel vaso (cinese) di argilla. E così, mentre ancora deflagrano nell’aria toscana le conseguenze della rivolta contro gli agenti di Sesto Fiorentino, una decina di perquisizioni stanno rivoltando da cima a fondo altrettanti capannoni cinesi nell’area del Macrolotto a Prato.

Ma questa volta non si tratta della solita operazione contro il lavoro nero. Le perquisizioni sono state disposte nell’ambito di una inchiesta ancora più inquietante che riguarderebbe, tra le ipotesi di reato, anche quelle per istigazione a delinquere, associazione a delinquere, violenza e odio razziale. Nulla di collegato, questo pare certo, con quanto successo negli ultimi due giorni a Sesto Fiorentino, al confine tra Prato e Firenze, dove, come noto, c’è stata la rivolta di circa 500 cinesi scattata in seguito a una serie di controlli disposti dalla Asl in un capannone "alveare". Perchè in questo caso la parola non detta, ma sussurrata, è Tong. O Sānhéhuì, letteralmente "Società Triade". Mafia cinese. La base di quest'organizzazione criminale un tempo era ad Hong Kong ma operava anche a Taiwan, Macao e in Cina. Poi, con l'immigrazione clandestina, ha ampliato il proprio giro di affari e si è radicata nelle chinatown europee, in Nord America, Sudafrica, Australia, Nuova Zelanda. Ci sono attualmente 57 gruppi della Triade attivi ad Hong Kong, alcuni di questi non sono altro che piccole bande di strada. I gruppi più grandi comprendono invece Sun Yee On, Wo Shing Wo e 14K.

Le attività delle Triadi includono traffico di droga, riciclaggio di denaro, gioco d'azzardo, prostituzione, furto, contrabbando di tabacco ed altre forme di racket. Abbondanti introiti provengono dalla contraffazione di programmi per computer, CD musicali e film in VCD e DVD. Operano anche il contrabbando di prodotti del tabacco. In particolare in Italia sono attivi nel tessile, nella ristorazione, attività commerciali e nei servizi di transizione monetaria. Sembrano innocui commercianti, ma si riconoscono tra di loro da simboli e tatuaggi. E poi ci sono gli "eliminatori" che, per pochi soldi e su commissione, picchiano o ammazzano rivali commerciali, nemici, clienti insolventi, investigatori ficcanaso. Lo abbiamo visto a Prato, dove l'ingente operazione delle forze dell’ordine ha scoperchiato un formicaio, ha scoperto un vero e proprio gruppo criminale organizzato; la polizia sta eseguendo, proprio in queste ore, 9 decreti di perquisizione nei confronti di altrettante persone indagate, in stato di libertà, per i reati di associazione per delinquere e atti violenti per motivi razziali.

Perché le Tong, si sa, sono come la 'Ndrangheta. Se non sei un conterraneo, non ti accettano. A quanto si apprende gli interventi di questi giorni sarebbero l’atto conclusivo delle indagini, avviate nel 2015, e condotte dalla Squadra Mobile pratese, che hanno consentito di raccogliere elementi indiziari a carico di un gruppo criminale, composto da cittadini cinesi, solo cinesi, mascherati dietro l’associazione culturale "La Città del Cervo Bianco", che avrebbero commesso diverse aggressioni contro cittadini extracomunitari, prevalentemente di origine magrebina, ritenuti responsabili di reati predatori avvenuti contro cittadini cinesi.

Vere e proprie ronde organizzate e aggressioni, contro cittadini africani che, la comunità cinese ha ritenuto essere i colpevoli di furti e anche di danneggiamenti ai danni della loro comunità. Una macchina perfetta, indagini, processi, giustizia e controlli di prevenzione. Nel corso dell'inchiesta, tra le altre cose, è emerso che, il responsabile dell'associazione culturale, avrebbe realizzato una attività di vigilanza in favore di connazionali, presidiando il territorio e organizzando appunto ronde e spedizioni punitive nei confronti di nordafricani, anche estranei a fatti delittuosi. L'anno del dragone è appena iniziato.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Trieste dichiara guerra al racket dell'accattonaggio
Oltre 200 manifesti affissi in città

Trieste dichiara guerra al racket dell'accattonaggio

Milano, mignotte "China" addio
giro di vite sui bordelli cinesi

Milano, mignotte "China" addio


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU