RADICAL CHIC E DINTORNI

GIUSEPPE BIZZINI
RADICAL CHIC E DINTORNI

RADICAL CHIC E DINTORNI Se prima della sconfitta elettorale la poderosa macchina del fango della sinistra lavorava a pieno regime per indottrinare gli amorfi e acritici fruitori all’accettazione del pensiero unico dominante, dopo l’accordo di governo Lega-M5S, è chiamata a fare un ulteriore sforzo propagandistico, in pratica devono fare degli straordinari. Da qui l’impegno totale di tutto l’apparato mainstream (televisioni sia pubbliche che private, carta stampata, radio, cinema, scrittori, attori, cantanti e influenzer di ogni ordine e grado). La perdita della capacità di orientare le coscienze verso progetti politici prestabiliti e del conseguente mancato controllo del consenso li ha fatto letteralmente “sbroccare”, tra l’altro anche in modo del tutto scomposto. Abbiamo assistito alla messa in campo di tutto il loro repertorio verbale d’attacco carico di stereotipi, a cui danno dato la solita lettura di natura ideologica, in quanto mossi solo da astio politico. Il reiterato utilizzo per anni della tecnica del “politicamente corretto” ha portato ad inibire qualsiasi dibattito sulle tematiche sociali che non fossero dettate dall’agenda mondialista. Questo indottrinamento, auto referenziato, si e’ verificato grazie ad una martellante azione mediatica accompagnata da quella che possiamo definire la “pedagogia delle parole”. Ci hanno spiegato cosa e’ possibile dire e cosa non e’ conveniente dire, cosa vedere o non, ma soprattutto a cosa aderire, il tutto presentato con l’arrogante sicumera ascrivibile al grosso capitolo della “radical chic”. Di fatto e’ stata generata una sudditanza psicologica prima che culturale e chi non si conformava a questi modelli ha dovuto sopportare l’onta del bigotto e delle visioni limitate, quest’ultima definizione molto edulcorata per non dire cha hanno vomitato addosso al povero malcapitato di turno le peggiori nefandezze ai limiti dell’insulto personale, ma tant’era. Quando stai dalla parte sbagliata devono fare emergere anche i sensi di colpa che siano da esempio per i successivi masochisti di turno. Comunque, se i mondialisti hanno potuto realizzare tutto ciò, non e’ solo dovuto agli ingenti investimenti economici, all’attivismo degli adepti che hanno prodotto l’occupazione sistematica e capillare di apparati nevralgici sia a livello globale che nazionale, ma anche alla nostra inerzia e rassegnazione. Non regaliamo più la nostra indifferenza. Bizzini Giuseppe

Via Ceresio, 18, 22074 Lomazzo CO, Italia

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU