pulizia etnico-religiosa

Console armeno lancia l'allarme: "Gli islamici ci stanno massacrando perché cristiani"

Per farlo, i musulmani azeri utilizzerebbero addirittura dei droni armati. Un vero e proprio genocidio occultato dalla maggior parte dei media internazionali

Alfredo Lissoni
Console armeno:

Pietro Kuciukian è il Console Onorario della Repubblica d'Armenia. Fine intellettuale e scrittore, persona estremamente posata e pacifista convinto, ha accettato di narrarci lo spaventoso genocidio del suo popolo in una terra che è accerchiata da paesi musulmani particolarmente aggressivi: Iran, Turchia e Azerbaijan.

"La situazione del globo intero è preoccupante e chi ci sta andando di mezzo, per prime, sono le piccole nazioni, come l’Armenia, che ha dato molto al mondo e può continuare ancora a dare", ci racconta. "C'è un genocidio di cui non si parla. Fino a pochi giorni fa era ancora in vigore l'armistizio per la guerra tra Azerbaijan e Nagorno-Karabakh, terminata nel 1994 con la vittoria degli armeni. Ma il nuovo presidente azero ha rimesso il trattato in discussione. E ci sta bombardando".


"Il conflitto non è mai stato una guerra di religione, ma una pulizia etnica e una conquista dei territori. Adesso lo è diventata: qualche giorno fa sono state emesse due fatwa, dallo sheik al-Islam (sapiente dell'Islam; N.d.R.) dell'Azerbaijan e da quello di Istanbul in Turchia per decretare la guerra santa contro di noi. Adesso il conflitto sta assumendo proporzioni incredibili e feroci. Ed il motivo è che l'Armenia ed il Karabakh sono gli unici paesi della zona rimasti cristiani o di cultura cristiana".

"In passato", continua il console, "per bombardarci toglievano i cannoni dalle navi del Caspio. Gli armeni, quasi per un miracolo, poco attrrezzati e con poche armi, si sono difesi e sono riusciti a guadagnare terreno, resistendo sino all'armistizio. Con il nuovo presidente azero la stiuazione è cambiata, i nostri vicini hanno messo in campo dei droni armati, che hanno falcidiato in questi giorni le postazioni armene. E poi c'è la cancellazione del nostro ricordo".


"Gli azeri hanno messo in atto, in questi anni, una propaganda spietata, di demonizzazione degli armeni in quanto tali. Nessuno può difenderci. Un intellettuale azero che ha scritto un libro invitando alla pace e che doveva partecipare ad un nosgtro convegno a Venezia è stato bloccato alla frontiera; lui, la moglie ed i suoi figli hanno perso lavoro ed i suoi libri sono stati bruciati sulla pubblica piazza. Che cosa aveva fatto di male? Era sono un azero che aveva chiesto pubblicamente pace e riconciliazione. Quello che stiamo vivendo è a tutti gli effetti un genocidio...".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU