GOVERNO IN CRISI

Renzi contestato a Palermo, i giovani lo bocciano

In tutta Italia gli studenti lo contestano e gli under 30 si schierano per il "No" nei sondaggi sul voto referendario

Redazione
Renzi contestato a Palermo, i giovani lo bocciano

Studenti contestano Renzi

Tensioni a Palermo, in occasione della visita del premier Matteo Renzi lo scorso 22 ottobre, impegnato nell'inaugurazione dell'anno accademico dell'università. Un gruppo di manifestanti, formato da studenti e lavoratori, ha dato vita a una protesta. Sono stati tenuti a distanza dalle forze dell'ordine che hanno impedito che si avvicinassero. Il cordone di polizia li ha tenuti fuori da piazza Verdi dove si è svolto l'evento pubblico e il clima si è surriscaldato. Erano in particolare studenti medi, universitari, professori e lavoratori che hanno contestato "la passerella che prova a nascondere le miserie del sistema formativo e del mercato del lavoro".

Il Premier, ha provato a minimizzare e fare spallucce: "Ci sono persone che mi detestano, che non mi sopportano, ma è normale, è fisiologico", ha ammesso il capo del governo, però nella scheda del referendum non c'è scritto Renzi mi sta simpatico o antipatico, o se sono ingrassato, c'è un voto che segnerà l'Italia per i prossimi anni".
Eppure proprio il Presidente del Consiglio, il grande rottamatore, che prima della salita al potere si vantava di portare giovinezza e novità contro i vecchi burocrati del suo partito, oggi si vede contestato dalle fasce meno anziane della popolazione.

Tant'è che secondo un sondaggio dell'Ipsos pubblicato dal Corriere della Sera, il No al referendum sulla riforma costituzionale sarebbe in vantaggio in tutte le classi di età tranne che tra gli ultra sessantacinquenni. Sotto i 34 anni, appena 19 per cento degli italiani appare orientato verso il Sì. Insomma se la luna di miele tra il Premier e il paese è finita da un pezzo, sembra che saranno propri i più giovani a chiedere il definitivo divorzio.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU