Un altro depresso?

Ghanese "folle" danneggia le statue di quattro chiese e a Roma

Si è scagliato contro le effigi di Sant'Antonio e Santa Prassede, rompendone le braccia e rovinandone i volti. Prima di fuggire ha rovesciato candelieri e teche

Redazione
Uomo di colore danneggia due statue nella basilica di Santa Prassede a Roma

Alcuni dei danni. Composizione da foto ANSA

È entrato nella Basilica di Santa Prassede, al centro di Roma, e si è scagliato contro due statue colpendole ripetutamente e danneggiandole. Poi ha rovesciato candelieri, teche e si è dato alla fuga. È accaduto nella serata di venerdì 30 settembre nella basilica che si trova nei pressi di Santa Maria Maggiore, nel rione Monti. Erano le 19 circa e nella chiesa stava per iniziare un concerto di musica sacra organizzato dall'ambasciata slovacca quando l'uomo è entrato in azione. A dare l'allarme alla polizia il parroco. Il responsabile è stato descritto come "un uomo di colore, alto circa un metro e 80".


"Credevo fosse l'Isis", ha detto il parroco di Santa Prassede. Le statue danneggiate sono quelle di Sant'Antonio e Santa Prassede, a cui sono state rotte le braccia e rovinati i volti. Ancora da chiarire con quale oggetto le abbia colpite più volte. L'antichissima basilica ha l'entrata principale, di rado utilizzata, in Via San Martino ai Monti, mentre l'entrata abituale, ma secondaria, si trova sul lato destro dell'edificio. La chiesa prende il nome dalla Santa Prassede, sorella di Santa Pudenziana e figlia del senatore romano Pudente, discepolo di San Paolo. Fondata nel IX secolo da papa Pasquale I subì vari restauri nei secoli XV, XVII e XIX. All'interno c'è anche una lapide del 1743 dedicata a Pico della Mirandola.


L'uomo, infine, è stato bloccato e sottoposto a fermo per vilipendio alle istituzioni religiose con l'aggravante dell'odio religioso: è risultato essere un ghanese di 39 anni, bloccato dalla polizia perchè considerato autore di danneggiamenti in altre tre chiese, dopo Santa Prassede, del centro di Roma. Le altre chiese colpite dal folle, descritto come "una furia" e "un drogato", sono San Martino ai Monti, San Vitale in via Nazionale, San Giovanni in piazza dell'Oro. Durante l'ultimo danneggiamento l'africano si è ferito ad un piede ed è stato visitato (a spese nostre) in ospedale, prima di essere portato nel carcere di Regina Coeli.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU