presidenziali americane

Donald Trump, tolleranza zero contro i clandestini: "Il muro con il Messico si farà"

"Il nostro messaggio al mondo è il seguente: chi entrerà illegalmente negli Stati Uniti non potrà ottenere uno status legale né diventare cittadino americano"

Redazione
Trump: "Il muro col Messico si farà"

"Costruiremo un grande muro lungo il confine meridionale e il Messico lo pagherà, credetemi, al 100%". Donald Trump, nel suo intervento di Phoenix, in Arizona, ha messo "il muro" al primo posto del suo "dettagliato" piano sull'immigrazione, articolato in 10 punti e tutt'altro che addolcito rispetto alle istanze più "forti" presentate in campagna elettorale, dalla tolleranza zero con i clandestini ai test ideologici per chi richiede un visto.


"Non lo sanno ancora, ma pagheranno per il muro. Sono un grande popolo, hanno grandi leader ma pagheranno per il muro", ha insistito il candidato repubblicano alla Casa Bianca, poche ore dopo l'incontro con il presidente del Messico, Enrique Pena Nieto. Il leader del paese sudamericano ha fatto sapere di aver ribadito a Trump, durante il faccia a faccia, di non avere alcuna intenzione di accollarsi i costi della muraglia promessa, ma il tycoon newyorchese non è intenzionato a cedere.


Sarà "un muro impenetrabile, alto, imponente e bello", con sensori di superficie e sotterranei e dotato di altre tecnologie" per fermare "i cartelli criminali", ha detto. E il Messico "lavorerà con noi. Lo credo fermamente dopo aver incontrato il presidente messicano", ha assicurato Trump anticipando la fine "del ciclo delle amnistie", comprese quelle decise da Barack Obama. "Il nostro messaggio al mondo è il seguente: non si potrà ottenere uno status legale o diventare cittadini americani se si entra nel nostro paese da clandestini", ha avvertito. "Saranno cacciati dal mio primo giorno in carica. Chiamateli pure deportati, se volete", ha rincarato. Sarà creata una task force ad hoc per scovare i clandestini pericolosi, "quelli che hanno evaso le legge, proprio come ha fatto Hillary Clinton", è stato l'affondo. "Forse riusciranno a deportarla", ha scherzato.


Il miliardario ha dunque insistito sulla necessità di "test ideologici" per chi richiede un visto e il taglio dei fondi alle città che non deportano gli immigrati senza documenti che "vengono trattati meglio dei veterani" di guerra. E se per sottolineare la portata del discorso, Trump è stato introdotto sul palco di Phoenix dal candidato vice presidente Mike Pence, l'epilogo è stato affidato alle "Angel Moms", che hanno perso i figli uccisi da criminali clandestini. "Se Trump fosse stato presidente, mio figlio non sarebbe morto", è stato l'accorato appello a sostegno del miliardario "for President".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Rita Kats: "poster Isis sollecita attacco a Vaticano a Natale"
"bergoglio, vendicheremo ogni goccia di sangue"

Ritorna la minaccia Isis: "Colpite il Vaticano"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU