in bangladesh le forze dell'ordine non scherzano

Volevano uccidere un prete italiano. Terroristi accoppati dalla polizia

Il mandante del tentato omicidio del missionario e medico è stato identificato come Khaled Hasan, 30 anni, mentre il secondo terrorista ucciso è Golam Tareque, di 29 anni. In Italia l'avrebbero fatta franca...

Alfredo Lissoni
Volevano uccidere un prete italiano. Terroristi accoppati dalla polizia

Il missionario e medico don Piero Parolari

La polizia del Bangladesh - che non scherza e non si comporta come da noi, dove i terroristi hanno tutte le tutele legali - ha ucciso mercoledì due militanti, tra cui la "mente" dell'attentato contro padre Piero Parolari, missionario del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) da anni residente nel Paese. Il mandante del tentato omicidio del sacerdote italiano è stato identificato come Khaled Hasan, 30 anni, mentre il secondo terrorista ucciso è Ripon, alias Golam Tareque, di 29 anni. La conferma dell'uccisione è stata data dalla polizia di Bogra. Lo scrive l'agenzia Asianews.


Il sovrintendente Gaziur Rahman ha dichiarato: "Khaled Hasan era il comandante militare nella regione settentrionale, colui che ha architettato l'attacco contro il missionario". I militanti sono rimasti vittime in uno scontro a fuoco con gli agenti all'intersezione di Noluabari, nel distretto di Bogra (nel nord-ovest del Bangladesh). Nella loro abitazione i poliziotti hanno sequestrato pistole di provenienza estera, proiettili, due bombe fabbricate in casa e altro materiale esplosivo. Nel fuoco incrociato sono rimasti feriti anche due agenti, ora ricoverati in ospedale. Padre Parolari, 64 anni, è sopravvissuto ad un attentato a Dinajpur lo scorso 18 novembre.


Le autorità locali hanno subito riconosciuto la matrice islamica del tentato omicidio, confermata in seguito dall'arresto e dalla confessione di uno degli esecutori materiali. L'uomo ha dichiarato di essere membro del gruppo fondamentalista islamico Jamaat-ul-Mujiahideen, fondato nel 1998 e bandito dal governo nel 2015. In seguito all'attentato, padre Piero è tornato in Italia per un lungo periodo di convalescenza. In Bangladesh i suoi confratelli vivono tutt'oggi sotto scorta, disposta fin dalle prime ore successive all'aggressione. Il provvedimento è stato confermato proprio nei giorni scorsi, a testimonianza di un clima di perdurante insicurezza.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia
Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU