tripoli ci chiede aiuto

Il Premier libico all'Italia: "L'Isis? Vi entra in casa con i clandestini"

Sarraj ha spiegato al Corriere che esiste il rischio che l'Isis in Libia utilizzi le barche dei migranti per mandare i suoi militanti in Europa. "Non ne sarei stupito"

Alfredo Lissoni
Il Premier libico all'Italia: "L'Isis? Vi entra in casa con i clandestini"

Foto ANSA

"La nostra Libia ha bisogno dell'aiuto internazionale nella battaglia contro l'Isis. L'Italia è tradizionalmente il nostro Paese amico, potete fare tanto". È il messaggio che ha lanciato martedì da Tripoli il primo ministro del governo di unità nazionale Fayez al Sarraj, in un'intervista al Corriere della Sera. "Sin dall'inizio il vostro esecutivo ha sostenuto il nostro governo di unità nazionale. All'Italia chiediamo qualsiasi aiuto possa darci. L'Isis è un nemico difficile, infido, pericoloso per il nostro Paese, ma anche per l'Italia, l'Europa e il mondo intero", ha commentato il premier.

L'Italia è parte dell'alleanza internazionale guidata dagli USA contro l'Isis e sta ai comandi dell'alleanza decidere come cooperare militarmente, ha ricordato Sarraj. "Ma all'Italia noi chiediamo di trattare e curare nei suoi ospedali i nostri feriti di guerra. Vorremmo più cooperazione in questo senso. Gli aiuti medici e i visti per il trasferimento dei nostri feriti sul vostro territorio dovrebbero essere più rapidi. Abbiamo anche richiesto alcuni ospedali da campo che sarebbero molto utili per trattare in tempo utile i nostri feriti gravi sulle prime linee", ha insistito il primo ministro libico. "Inoltre, abbiamo già ottenuto dall'Italia partite di visori notturni e giubbotti anti-proiettili che servono per salvare la vita ai nostri uomini. Ma non bastano. Necessitiamo di altri invii e altri aiuti".

A questo proposito, il primo ministro vede "con grande favore" la "scelta italiana di permettere agli aerei USA di utilizzare la base di Sigonella". "I contribuiti italiani in ogni caso sono sostanzialmente di carattere umanitario. Contribuiscono a risparmiare la perdita di vite umane", ha sottolineato.

D'altra parte, Sarraj ha spiegato che esiste anche il rischio che l'Isis in Libia utilizzi le barche dei migranti per mandare i suoi militanti in Europa. "L'Isis è un'organizzazione pericolosissima. Utilizzerà qualsiasi mezzo per inviare i suoi militanti in Italia e in Europa. Non sarei affatto sorpreso di scoprire che i suoi uomini si nascondono sui barconi diretti verso le vostre coste. Dobbiamo affrontare insieme questo problema. L'Isis ci minaccia tutti allo stesso modo", ha detto.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Re Giorgio: "Pago di tasca mia"
La replica di Napolitano alle polemiche sulle sue vacanze

Re Giorgio: "Pago di tasca mia"

Blocco navale nel Mediterraneo? Lo propone il Belgio!
Il Pd è riuscito a costringere gli Stati europei a sospendere Schengen o chiudere le frontiere

Blocco navale nel Mediterraneo? Lo propone il Belgio!

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...
andarono per suonare e furono suonati

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...

Mentana durissimo con "l'egoista" Macron
s'è passato la mano sulla coscienza

Mentana durissimo con "l'egoista" Macron


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU