mantenuti A SPESE NOSTRE

"Non date cibo e soldi ai presunti profughi"

Il volantino dell'amministrazione ai cittadini spiega che a badare agli stranieri dovrebbe essere la società vincitrice del bando. Intanto però i circa 30 "ragazzotti" tutti sotto i trent'anni, vivono in uno stabile fuori norma e bivaccano in paese

Redazione
Presunti profughi a Roma

Foto ANSA

L'amministrazione di Terranova dei Passerini, in provincia di Lodi, ha inviato ai cittadini lo scorso 9 agosto un volantino con cui chiede di non dare ai presunti profughi presenti sul territorio comunale, soldi o cibo. L’esecutivo del sindaco Roberto Depoli ci spiega i perché di questa iniziativa: "Secondo molte segnalazioni che ci sono pervenute, i migranti ospiti della struttura vanno in giro e chiedono soldi, cibo e vestiario. Questa pratica però esula da quella che dovrebbe essere la normale gestione della situazione". 


Infatti, tra le responsabilità della società Multiethnic International, che dovrebbe occuparsi dei richiedenti asilo "rientrano la sorveglianza e la cura dei propri ospiti, compresa l’erogazione di tre pasti al giorno. Per ogni migrante prendono 35 euro al dì".

Il Comune precisa di aver già comunicato il comportamento degli stranieri alle autorità competenti (Prefettura e Carabinieri), ma intanto ha invitato i propri cittadini "a chiamare le forze dell’ordine, qualora questo comportamento dovesse continuare". L'ennesimo capitolo di questa storia che ha visto arrivare a Terranova un gruppo circa 30 extracomunitari, tutti sotto i trent’anni provenienti da Nigeria, Senegal, Guinea e Mali tutti dislocati in una struttura senza la minima regolarità con impianto elettrico non a norma, impianto di riscaldamento non funzionante, assenza di allacciamento alla fognatura. Persino i sopralluoghi dell’Asl hanno dimostrato gravi carenze. "Abbiamo emanato un’ordinanza di sospensione dei lavori e di sgombero dei locali", fanno sapere dall'Amministrazione Comunale.


La società ha presentato ricorso al Tar. L'Ats (ex Asl), da parte sua, sottolinea che il proprio parere sulle condizioni igienico-sanitarie non è stato negativo ed ha contestato una "supposta rigidità" del Comune.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU