l'intervista del corriere

Gentiloni: "Successo Recovery plan in Italia fattore chiave"

"Che il Recovery plan abbia successo in Italia è un fattore chiave e anche qui credo che ci sia una rivincita europea"

Redazione
Gentiloni: "Successo Recovery plan in Italia fattore chiave"

"L'Italia è importante. Siamo fra i maggiori beneficiari nei programmi varati in queste settimane. Che il Recovery plan abbia successo in Italia è un fattore chiave e anche qui credo che ci sia una rivincita europea. La scelta europeista e' una carta d'identita' di questo governo e penso che sarebbe utile rivendicarla come chiara scelta di campo". Cosi' il commissario agli Affari economici Ue Paolo Gentiloni in un'intervista sul Corriere della sera in cui spiega come "questo governo" abbia "una gigantesca responsabilita' politica: deve gestire una crisi acuta come mai nella storia repubblicana" avendo "a disposizione risorse come mai nella storia repubblicana". "Dobbiamo anche essere consapevoli - rileva - che nel 2020 l'Italia sta spendendo piu' di tutti, assieme alla Germania. Piu' di Francia e Spagna. Una cosa enorme visto il livello del debito. Queste spese straordinarie vanno gestite con una logica che non e' di emergenza e l'obiettivo non e' tornare alla situazione pre-Covid. Non facciamo una grande operazione per tornare alla normalita' di prima e per l'Italia sarebbe doppiamente sbagliato". Gentiloni spiega che "il Recovery fund avra' successo se trasformera' le nostre economie in senso piu' sostenibile, piu' inclusivo e le rendera' piu' competitive. E per un Paese che aveva la crescita piu' bassa degli altri vale doppio".

C'e' "una grande occasione di provare a fare sul serio alcuni cambiamenti che ripetiamo come litanie da decenni. Quindi piu' che cento progetti per dare segnali a tutti, penso sia importante concentrarsi su sette o otto aree di intervento che trascinino il resto". "La Commissione di Ursula von der Leyen - prosegue - nasce avendo come ragion d'essere una risposta a questa crisi. Quest'ambizione si era gia' vista prima della pandemia con il Green deal, poi Covid e' stato il catalizzatore". Fermare la divergenza tra economie e' stato "il leitmotiv del mio lavoro. E' il principio che abbiamo messo alla base del Recovery Fund. Bisogna che tutti i Paesi si impegnino per evitare quella che io chiamo la Grande divergenza".

Sulla ripresa: "Noi restiamo alle nostre previsioni di un calo dell'8,7% nella Ue nel 2020. Abbiamo indicato il rischio di uno scenario ancora peggiore, che per ora non si sta materializzando. La via della ripresa e' lastricata di incertezza". Invece sul Patto di stabilita': "Concordo con la presidente della Banca centrale europea che serva molta cautela. Bisogna scegliere bene i tempi". 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Sara Garino, la politica italiana vista dalle...stelle
intervista alla giovane astrofisica di radio padania

Sara Garino, la politica italiana vista dalle...stelle

FIAT, esiste ancora?
Economista di Panorama indaga

FIAT, esiste ancora?


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU