MINISTRO SENZA CUORE

Migliaia di bambini a casa senza tablet e Internet, mentre i compagnetti fanno lezione assieme

Prima di far partire la didattica a distanza, il ministro aveva il dovere di mettere tutti nelle condizioni di prendervi parte

Fabio Cantarella
Migliaia di bambini a casa senza tablet e internet, mentre i compagnetti fanno lezione assieme

Adesso lo conferma anche l'Istat: nel mezzogiorno d'Italia il 40% delle famiglie non ha pc, internet e tablet necessari per garantire agli studenti la partecipazione alle lezioni online. Numeri drammatici che danno l'idea di come il governo PD-M5S abbia adottato decisioni irresponsabili, in questo caso anche crudeli perché ci chiediamo come possa sorridere il ministro al pensiero di quelle migliaia di bambini delle elementari che sanno che i compagnetti sono online a fare lezione tutti assieme e loro non posseggono gli strumenti per essere presenti. Davvero crudele.

Finora il governo ha sciorinato numeri, milioni di euro, 80 addirittura, girati agli istituti scolastici per andare incontro agli studenti in difficoltà. Sta di fatto che a quasi un mese dall'inizio della didattica da remoto, questi bambini sono ancora isolati. Sono emarginati come non mai. E non basta dire di aver mandato i soldi alle scuole, il lavoro di un ministro finisce quando gli scolari possono di fatto partecipare all'istruzione, quando ogni ostacolo è rimosso. D'altronde è sempre il ministero che deve intervenire sui ritardi delle scuole e capire cosa non sta funzionando. Non si può scaricare sempre sugli altri, come si è fatto coi sindaci a proposito degli aiuti alle famiglie improvvisamente ritrovatesi povere.

Il ministro aveva il dovere di far partire le lezioni online solo dopo aver messo tutti gli studenti nelle condizioni di potervi prendere parte. Diversamente, si crea emarginazione e soprattutto si rischia d'incentivare nel prossimo futuro la dispersione scolastica anche perché gli studenti più a rischio sono proprio quelli appartenenti a nuclei familiari poveri. Ma per comprendere tutte queste cose ci vogliono esperienza e competenza. E in alcuni casi, come questo, per non fare certi errori ci vuole anche cuore.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Corsico, aggressione al gazebo della Lega
zecche rosse in azione. max bastoni: "non ci fermeranno"

Corsico, aggressione al gazebo della Lega

Grillo rotola dalle scale un giornalista
il reporter: "mi ha fatto cadere"

Grillo rotola dalle scale un giornalista

Baby gang terrorizzava Mantova. Arrestato il capo
violenti pestaggi e rapine a suon di botte

Baby gang terrorizzava Mantova. Arrestato il boss

Covid e Governo incapace, nel mirino della Lega la gestione della scuola
approvata al pirellone mozione di sfiducia a conte

Covid e Governo incapace, nel mirino della Lega la gestione della scuola

scuola
Esami di Stato del secondo ciclo

Riforma Azzolina, cosa cambia per la scuola

Brescia, sesso con minori. Finisce in manette
Docente positiva, non apre la scuola di Venafro
Altri 20 insegnanti dell'Istituto sottoposti a tampone

Docente positiva, non apre la scuola di Venafro


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU