Livorno. Emergergenza abitativa drammatica.

Gianluca Donati
Livorno. Emergergenza abitativa drammatica.
La situazione al Camilli di Livorno è drammatica. La denuncia proviene da Chiara Bosi, madre di tre figli che assieme al suo compagno è stata vittima di terribili ingiustizie dovute al lassismo e al buonismo che, di fatto, tutela i clandestini. Dopo la decisione del sindaco pentastellato Nogarin di trasformare le case famiglia in luoghi d’accoglienza immigrati, Chiara ha dovuto trovare un’altra sistemazione perché la convivenza con gli immigrati era resa impossibile dal comportamento indecoroso degli stranieri. Del problema di Chiara si erano occupati Matteo Salvini e la giornalista Chiara Giannini de Il Giornale; era stata poi ospite del programma televisivo “Dalla vostra parte”, intervistata da Del Debbio e grande sostegno le è stato mostrato da Fratelli d’Italia Livorno. Attualmente Chiara è in emergenza abitativa al Camilli, ma la situazione sta degenerando precipitosamente. Perché anche qui non mancano immigrati e rom che come sempre non rispettano le più semplici regole della convivenza civile. E come Chiara, anche altre famiglie bisognose si trovano nelle medesime condizioni. In primo luogo non si capisce come mai tanti italiani sono fuori a dormire, perdendo punteggio e gli immigrati vengono aiutati e non si sa da chi; più volte è stato chiamato il comune e gli è stato fatto presente delle assegnazioni ingiuste che sono state fatte qui al Camilli: più persone abitano in emergenza abitativa e non sono assegnatari. I cittadini vivono nella spazzatura; immigrati e rom che entrano e fumano nei bagni e nei corridoi in una struttura comunale dove ci vivono minori (un bambino soffre anche di asma). Più volte è stata denunciata la mancanza d’igiene; la gente lava i panni nella lavatrice di un bagno con un tubo di scarico dentro al water defecandoci sopra. I giardini circostanti straripano di spazzatura. Più volte è stata chiamata l’igiene ambientale e di tutto questo il comune è al corrente. Ma niente. Nessuno interviene. Men che mai il sindaco Nogarin che neppure si degna di verificare di persona la situazione o di dare una risposta. Per denunciare la situazione è intervenuto il responsabile di Fratelli d’Italia Livorno Andrea Romiti: “È vergognoso che si arrivi ad umiliare gli italiani fino a questo punto. Lo Stato destina 4 miliardi delle nostre tasse per i profughi e poi lascia in queste condizioni indegne le famiglie italiane. Noi non ci stiamo e cercheremo di tutelare i diritti di Chiara e dei suoi figli politicamente e se questo non dovesse bastare siamo pronti a rivolgerci all’autorità giudiziaria competente”.

38020 Livo TN, Italia

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gli immigrati appena sbarcati si pappano anche il bonus bebè
Avanti, in Italia ci sono soldi per tutti

Gli immigrati appena sbarcati si pappano anche il bonus bebè

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU