l'accusa: tentata estorsione

"Paga o ti bruciamo vivo". Sgominata cosca cosentina

Il responsabile dell'impresa ha trovato il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri, che hanno ricostruito tutti i movimenti di tre pregiudicati

Redazione
"Paga o ti bruciamo vivo". Sgominata cosca cosentina

Foto ANSA

I carabinieri del Comando provinciale di Cosenza hanno eseguito un decreto di fermo emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, nei confronti di tre pregiudicati accusati di tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso, commessa ai danni di un imprenditore siciliano, aggiudicatario di un appalto per lavori di ammodernamento della SS 106 bis Ionica. Il provvedimento è stato emesso sulla base dei gravi indizi raccolti dai carabinieri di Rossano e dai colleghi del Reparto Operativo di Cosenza durante articolate indagini, dirette dal PM Saverio Vertuccio e coordinate dall'Aggiunto Vincenzo Luberto e dal Procuratore Capo della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri.


In carcere sono finiti Massimo Esposito, 35 anni, Francesco Antonio De Santis, 44 anni, entrambi di Rossano (CS), e Alfonso Dardano, 45 anni, di Mirto Crosia, tutti ritenuti contigui ad una cosca di 'ndrangheta rossanese. Esposito sarebbe il referente della cosca, fratello di Sergio, condannato in primo grado a 16 anni di reclusione come elemento di vertice della 'ndrina. Il processo e' ancora pendente in Corte d'Appello a Catanzaro.


I tre fermati avrebbero avvicinato il responsabile di un cantiere aperto a Mirto Crosia (CS) per la realizzazione di due rotatorie sulla strada statale 106 e, in piu' occasioni, dopo aver precisato di "controllare" la zona, lo avrebbero esortato a "mettersi a posto" pagando la somma di 5.000 euro quale cifra necessaria per "poter stare tranquillo". In caso contrario, loro avrebbero "bruciato i mezzi con dentro gli operai". Il responsabile dell'impresa ha trovato il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri, che hanno ricostruito tutti i movimenti dei tre pregiudicati, acquisendo chiari elementi di riscontro alla denuncia di estorsione. I tre sono stati portati nel carcere di Castrovillari in attesa dell'udienza di convalida del fermo, che avverra' nei prossimi giorni.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Scandalo infibulazione: in Italia 80mila donne mutilate
Dati choc dell'università Milano-Bicocca. Il maggior numero tra le egiziane

Scandalo infibulazione: in Italia 80mila donne mutilate

Crema, donna si dà fuoco in piazza. Ma la gente filma...
pericolo social: anzichè soccorrerla

Crema, donna si dà fuoco in piazza. Ma la gente filma...

Treviso, gli immigrati devastano la caserma. Ira di Salvini
"non si può uscire". e loro devastano l'infermeria

Treviso, gli immigrati devastano la caserma. Ira di Salvini

Crema, donna si dà fuoco in piazza. Ma la gente filma...
pericolo social: anzichè soccorrerla

Crema, donna si dà fuoco in piazza. Ma la gente filma...

Conte proroga l'emergenza covid
misure precauzionali sino al 15 ottobre

Conte proroga l'emergenza covid

Quanto si muore di Aids in Italia
Hiv e Aids, gli ultimi dati dell'Istituto superiore di sanità

Quanto si muore di Aids in Italia


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU