Germania in fiamme

Düsseldorf: niente sveglia per il Ramadan e i clandestini danno fuoco al campo

Il rogo nel centro di accoglienza sarebbe stato appiccato da un gruppo di immigrati furiosi per non essere stati svegliati in tempo per la colazione

Redazione
Düsseldorf: non suona la sveglia per il ramadan e i clandestini danno fuoco al campo

Il campo profughi di Düsseldorf in fiamme. Da express.de

Un violento incendio ha distrutto martedì 7 giugno un centro di accoglienza per richiedenti asilo a Düsseldorf, in Germania. Intorno a mezzogiorno il fuoco ha divorato l'ex padiglione 18 del complesso espositivo, utilizzato per ospitare oltre 280 immigrati. "Quando i vigili del fuoco sono arrivati le fiamme avevano già ricoperto il centro, c'era talmente tanto fumo che era visibile da chilometri di distanza. Tutti i presenti sono stati fatti uscire e hanno ricevuto assistenza", ha spiegato Tobias Schuelpen, portavoce dei vigili del fuoco della cittadina. 70 uomini provenienti da tutta la città sono stati impegnati per ore nelle operazioni di spegnimento; gli immigrati sono stati messi in salvo anche se una trentina di persone sono rimaste intossicate dal fumo.

Secondo quanto riportato dal magazine tedesco Express, l'incendio del campo profughi sarebbe doloso: due marocchini hanno affermato che lo staff di sicurezza iraniano che lavora al campo non avrebbe svegliato chi osserva il Ramadan in tempo per la colazione e che alcuni degli ospiti, furiosi per questo sgarbo, avrebbero riempito di liquido infiammabile dei materassi, appiccando poi il fuoco. "Vogliamo i nostri diritti, vogliamo vivere meglio", hanno dichiarato ai cronisti alcuni ospiti del centro. Dell'incendio sono sospettati sei clandestini provenienti da Marocco, Algeria, Siria e Iraq, sottoposti a interrogatorio dagli inquirenti. Molti testimoni hanno raccontato di continue tensioni tra i richiedenti asilo di diversi paesi e confessioni; già tre settimane fa un uomo aveva dato fuoco a un materasso, senza gravi conseguenze.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU