la protesta al pirellone

Covid-19, le colpe della Cina nella diffusione del virus

Anelli e Corbetta (Lega): “Ritardi gravissimi nell’informare la comunità internazionale. La Lombardia deve chiedere conto di questa responsabilità”

Redazione
Covid-19, le colpe della Cina nella diffusione del virus

 La Lombardia chiede conto al Governo di Pechino per le responsabilità cinesi nella diffusione del virus. E’ quanto contenuto nella mozione, presentata dalla Lega e approvata ieri dal Consiglio Regionale lombardo, che “impegna il Presidente e la Giunta Regionale ad attivarsi presso il Governo italiano e l’Unione Europea al fine di intraprendere una procedura volta al riconoscimento delle responsabilità del governo cinese nella mancata e tempestiva comunicazione circa quanto conosciuto relativamente al Covid-19”. In merito sono intervenuti ieri nell’aula del Pirellone il capogruppo del Carroccio Roberto Anelli e il consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta.

“E’ ormai accertato – affermano Anelli e Corbetta – come la Cina abbia tenuto nascosto al mondo per settimane la presenza della malattia sul proprio territorio. In questo modo si sono avuti ritardi gravissimi, e dalle conseguenze irreparabili, nell’adozione delle misure necessarie da parte di tutta la comunità internazionale”. “Questo è decisamente uno dei fattori decisivi, ma non l’unico, che pone in capo al governo Cinese la responsabilità della diffusione dell’epidemia Covid-19”. “C’è stato un atteggiamento doloso da parte delle autorità cinesi nel tenere nascosta l’epidemia, questo è un dato di fatto. La Repubblica Popolare cinese deve rispondere della propria colpa davanti all’intera comunità internazionale”.


“E noi lombardi, che abbiamo pagato un altissimo prezzo in termini di vite umane e ora stiamo subendo immensi danni economici e sociali,  non possiamo non chiedere conto di questa loro responsabilità”. “Nonostante il vizio di buttare tutto in bagarre politica, tipico malcostume italiano, non dobbiamo dimenticare che l’emergenza che stiamo vivendo è internazionale e non ha avuto certo origine né in Lombardia né tantomeno nel resto del nostro Paese”. “Sia chiaro, sul nostro territorio abbiamo importanti comunità di cinesi: gente umile e discreta, instancabili lavoratori, persone che stimiamo e che contribuiscono a far grande la Lombardia. Questa mozione non è rivolta a loro, non è rivolta al popolo cinese, ma sicuramente è rivolta al governo cinese”. “Una dittatura comunista, in cui non vi è libertà di stampa, non avvengono democratiche elezioni, si perseguitano gli oppositori politici, dal Tibet alla città di Hong Kong”.
 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Il ponte di Genova resta ai Benetton
tante sceme dei pentastellati e poi...

Il ponte di Genova resta ai Benetton

Coronavirus, ci stiamo ri-impestando tutti!
ira di zaia per un nuovo focolaio in veneto

Coronavirus, ci stiamo ri-impestando tutti!

Federalberghi: "Senza americani turismo non ha ossigeno"
Bocca: "gli italiani spendono meno degli stranieri"

Federalberghi: "Senza americani turismo non ha ossigeno"

"Scandalo camici" in Lombardia? Fontana querela Il Fatto Quotidiano
continuano a dare addosso al governatore lombardo

"Scandalo camici" in Lombardia? Fontana querela Il Fatto Quotidiano


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU