SI RIAPRE IL CAPITOLO LEGGE ELETTORALE

Italicum, Renzi si arrende: "Si può cambiare"

Da Varsavia, il premier prova a rompere l'assedio di avversari ed insidiosi alleati, cedendo all'idea di un'eventuale modifica della nuova legge elettorale. Ma a pesare sulle dichiarazioni di Renzi ci sarebbe anche la sua paura di perdere

Francesco Vozza
Italicum, Renzi si arrende: "Si può cambiare"

Colpo di scena nel noiosissimo tormentone tutto estivo dell'Italicum: sabato, infatti, Matteo Renzi, che si trovava a Varsavia per il summit della NATO, ha cautamente aperto alla possibilità di modificarlo. "Sulla legge elettorale non apro più bocca, è un tema nella disponibilità del Parlamento", ha dichiarato il premier ai giornalisti. E la sua faccia imbarazzata diceva già tutto: lui, il più strenuo difensore ed estimatore della sua stessa creatura, l'Italicum, costretto a dire che si può cambiare. 

L'apertura di Renzi sul tema della legge elettorale è, innanzitutto, una mossa per tentare di rompere l'accerchiamento messo in atto non soltanto da tutte le opposizioni, ma anche dagli infidi alleati di NCD e dalla rumorosa minoranza del PD. Infatti, con il SI alle riforme costituzionali sempre più a picco nei sondaggi, sono volate anche minacce di votare NO da parte di numerosi esponenti della stessa maggioranza. L'unico modo per calmare gli animi e ricompattare il governo era quello di aprire alle pressanti richieste di modifica della legge elettorale. E così Renzi ha fatto.

Ma potrebbe esserci anche un altro elemento ad aver pesato sul cambiamento di idea del premier: la paura matta di perdere e consegnare l'Italia ai grillini. I ballottaggi delle amministrative, infatti, sono stati vissuti da Renzi come un vero e proprio incubo. Ed, ironia della sorte, l'Italicum da lui stesso voluto si basa proprio sul doppio turno

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU