quella fusione con antonveneta

Montepaschi, Borghi: "Saranno forconi"

I crimini talvolta escono dal passato e chiedono di essere pagati. È il caso del Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del mondo

Claudio Borghi Aquilini
Montepaschi, Borghi: "Saranno forconi"

I crimini talvolta escono dal passato e chiedono di essere pagati. È il caso del Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del mondo, incenerita dai compagni di merende del PD (che ha sempre dominato Banca, città provincia e regione) e da una misteriosa operazione di fusione con la Banca Antonveneta in cui vennero fatti sparire molti, troppi miliardi che andarono non si sa a chi. Questo buco fu nascosto con una serie di coperte sempre più corte e adesso, come il commendatore del "Don Giovanni", ecco che si presenta a cena da Renzi. Non si scappa: se i miliardi mancano qualcuno ce li deve mettere. La soluzione criminale europea è che ce li mettano i risparmiatori. Gli azionisti già sono stati azzerati e quindi per loro il bail in già c'è stato ed è stupefacente che ancora nessuno ne abbia chiesto conto a chi doveva controllare e si è lasciato scappare bilanci grottescamente falsati.


Gli azionisti dovrebbero chiedere conto anche a Renzi, che, da Presidente del Consiglio, a reti unificate propagandava come "un affare" le azioni del Monte Paschi quando valevano tre volte il prezzo attuale ma tant'è, tutti in letargo. Adesso però la fornace è ancora accesa ed aspetta gli obbligazionisti, risparmiatori che mai e poi mai potevano pensare di aver fatto un investimento rischioso, inclusi gli acquirenti delle obbligazioni subordinate che erano sì esposti ad alcuni rischi ma non certo a quello dell'azzeramento selettivo imposto dall'Europa per pareggiare i disastri dei banchieri. Bene caro Renzi, te lo diciamo in modo chiaro, non ti azzardare a toccare un solo risparmiatore e anzi, sbrigati a restituire integralmente i soldi rubati ai risparmiatori delle banche azzerate dal tuo brillante decreto a oggi. Il risparmio è sacro e tutelato in modo assoluto dalla costituzione quindi chi doveva essere preposto alla vigilanza (Banca d'Italia) faccia il piacere di estrarre un libretto di assegni (tanto i soldi li stampa lei) e risarcire tutti i risparmiatori fino all'ultimo centesimo.


Poi si deve però aprire per bene il libro delle responsabilità perché è troppo comodo creare i buchi e poi far pagare ad altri. Ad oggi non mi risulta vi sia nessun politico del PD e nessun dirigente di Bankitalia dietro le sbarre per la questione Monte Paschi: dato che si parla di danni di valore tale da essere paragonabili solo ad un terremoto e che i miliardi da una banca non spariscono da soli si deve affermare il principio che chi sbaglia (o ruba, o non vigila) paga. Se invece si volesse insistere a lasciare a spasso i responsabili e pretendere il pagamento dai risparmiatori che sono gli unici a non c'entrare nulla aspettatevi i forconi. E forconi saranno anche se oserete salvare il Paschi senza risarcire al prezzo di acquisto dei titoli i risparmiatori delle altre banche, evidentemente figli di un dio minore. Tiferemo per gli inseguitori.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Senato russo: "Ora è possibile l'Italexit"
Pushkov sul voto referendaRIO

Senatore russo: "Ora è possibile l'Italexit"

Vittoria del No: non crollano le borse
le bugie PD hanno le gambe corte

Vince il NO ma... non crollano le borse


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU