Caos nel capoluogo pugliese

Bari sotto il ricatto degli abusivi: scontri e feriti durante i fuochi per San Nicola

Nonostante i divieti, hanno continuato ad accendere le fornaci per arrostire la carne e a vendere prodotti alimentari nel corso della festa patronale

Alessio Colzani
Bari, una città sotto il ricatto degli abusivi: scontri e feriti durante i fuochi per San Nicola

La rivolta degli abusivi durante la festa di San Nicola. Foto ANSA

Una persona è stata arrestata e un'altra è stata sottoposta a fermo dalla polizia per gli scontri avvenuti sul lungomare di Bari tra forze dell'ordine e venditori abusivi, mentre erano in corso i festeggiamenti del patrono San Nicola. L'uomo arrestato, Cleto Caprioli, 28 anni, dovrà rispondere di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. È questo l'ennesimo episodio di una giornata carica di tensioni a causa dei sequestri di generi alimentari e di varie attrezzature compiuti dalle forze di polizia nei confronti dei venditori abusivi. Gli scontri, si è appreso, sono avvenuti dopo che gli ambulanti nonostante i ripetuti divieti, hanno continuato ad accendere, le fornaci per arrostire la carne e a vendere prodotti alimentari.

La polizia è intervenuta con una carica dopo che gli abusivi, asserragliati nel mercato del pesce, all'altezza del circolo Barion, avevano cominciato a lanciare bottiglie contro i vigili urbani: una bottiglia ha colpito in testa un agente. Nel gruppo degli abusivi sono stati notati anche uomini legati a clan della criminalità locale. Cariche di alleggerimento sono state fatte dalla polizia in tenuta antisommossa contro gli abusivi asserragliati vicino al Chiringuito. Alla fine, le segnalazioni di spari in mezzo alla folla si sono rivelate dei falsi allarmi, ma intanto la maggior parte della gente era fuggita e lo stesso spettacolo pirotecnico si è concluso in tutta fretta. Alcuni venditori ambulanti sono stati portati in Questura e la loro posizione è al vaglio degli investigatori.

La rivolta è esplosa lungo il molo di Sant'Antonio, dopo il rifiuto degli abusivi di rimuovere i grill per arrostire la carne. All'origine dei disordini, però, ci sarebbe l'assegnazione delle zone di vendita agli abusivi da parte dei clan mafiosi della città, dietro pagamento. Da qui l'impossibilità per alcuni ambulanti, dopo i sequestri di generi alimentari e di attrezzi ieri mattina, effettuati della polizia municipale, di trasferirsi nelle zone controllate dai clan avversi. Secondo quanto reso noto dagli investigatori, si tratterebbe di clan che operano nei quartieri Libertà, Japigia e Bari vecchia, che da tempo controllano l’assegnazione dei posti per le "fornacelle". Alcuni ambulanti, come si è appreso dal comandante dei vigili urbani, avrebbero provato anche a sabotare i fuochi pirotecnici e a tagliare i cavi di alcune luminarie. Due persone, un agente della polizia e tre vigili urbani sono rimasti feriti in modo lieve durante gli scontri.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU