aveva 64 anni, coi ragazzini da una vita

Cagliari, bidella accusata di pedofilia si uccide

In un biglietto ha scritto: "La gente è solamente capace di giudicare. Sono innocente"

Redazione
Cagliari, bidella accusata di pedofilia si uccide

Foto ANSA

Un caloroso e sentito abbraccio a quella donna che per anni ha lavorato nella scuola dell'infanzia di Sestu, alle porte di Cagliari. Una chiesa stracolma, la parrocchia di San Giorgio, per tributare mercoledì l'estremo saluto ad A. U., la bidella in pensione che si è tolta la vita dopo la chiusura delle indagini della Procura di Cagliari per un presunto caso di abusi su una scolaretta: per lei si stava profilando la richiesta di rinvio a giudizio.

Tanti volti in lacrime ma anche tanta incredulità. E poi tanti bambini, quelli che per quarant'anni erano stati il suo mondo, seduti ai primi banchi e sparpagliati in tutta la chiesa. "La parola di Dio in questo momento può essere l'unico conforto per i familiari - ha detto nella sua omelia monsignor Onofrio Serra, senza mai fare riferimenti né al suicidio né all'inchiesta - è questo che dobbiamo fare tutti". E le persone che hanno conosciuto la donna non vogliono nemmeno prendere in considerazione l'accusa su cui la Procura stava indagando da quasi due anni.

"E' semplicemente assurda - racconta un'amica, col volto rigato dalle lacrime - tutti quelli che hanno lavorato con lei sono pronti a testimoniare che è sempre stata corretta". L'abbraccio di amici e conoscenti si è stretto attorno ai fratelli e ai nipoti dell'ex bidella, stravolti dal dolore, prima che il corteo funebre prendesse la via per il cimitero dove c'è stato l'estremo saluto. "E' un momento di grande dolore per tutti", le uniche parole della sindaca della cittadina, Paola Secci, anche lei presente alla cerimonia funebre.


Una famiglia distrutta, i vicini di casa increduli così come tante mamme degli alunni che, per generazioni, hanno frequentato le scuole dell'infanzia a Sestu, dove ha lavorato come bidella la donna di 64 anni che si è tolta la vita nella sua abitazione dopo aver ricevuto l'avviso di conclusione delle indagini preliminari per un'accusa di molestie su una bambina di quattro anni. Il funerale si terrà alle 16 nella chiesa di San Giorgio a Sestu.

"E' stata colpita proprio in quello che amava di più, i bambini e il suo lavoro - racconta una vicina di casa - non si era sposata e aveva anche un carattere brusco, ma per la scuola e i suoi bimbi si è sempre fatta in quattro. Sono convinta che, se qualcosa c'è stato, si sia trattato di un terribile malinteso.

Lei aveva quarant'anni di esperienza ed era sempre molto rigorosa". Grande commozione anche nelle scuole dove la donna ha lavorato sino a due anni fa, prima di andare in pensione. "Era una persona corretta e attaccata al lavoro - la descrivono colleghe e insegnati - non si risparmiava ed era un punto di riferimento per i bimbi".


La donna non ha retto ad un'accusa così infamante, arrivata al termine di 40 anni di carriera tra i bambini delle scuole materne di Sestu. In un biglietto ha scritto: "La gente è solamente capace di giudicare. Sono innocente". Secondo il racconto della piccola, l'ex bidella l'avrebbe molestata dopo averla portata in bagno. Nessun altro elemento di prova sarebbe stato raccolto dagli inquirenti, visto che sia le intercettazioni che i riscontri con eventuali altri casi analoghi avrebbero dato esito negativo.

Tuttavia, terminate le indagini, la Procura ha deciso di proseguire con la propria azione penale perché nell'incidente probatorio - fatto lo scorso anno - la bimba sentita dal giudice in ambiente protetto avrebbe confermato il suo primo racconto. Da qui la notifica che precede la richiesta di rinvio a giudizio del pm che potrebbe aver sconvolto la donna, che lunedì sera ha deciso di farla finita. Nessuno a Sestu crede all'ipotesi dell'abuso sessuale: l'ex bidella per quasi quarant'anni aveva avuto una carriera senza macchia.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Genova, il PD si prende i fischi, Orfini carica a testa bassa
chi ha preso gli applausi, chi le urla "vergogna"

VIDEO / Genova, fischiato il PD. E adesso Orfini carica a testa bassa

Molotov contro la Guardia costiera tunisina, morti quattro clandestini
hanno incendiato il barcone per coprirsi la fuga ma...

Molotov contro la Guardia costiera tunisina, morti quattro clandestini

Genova, il PD si prende i fischi, Orfini carica a testa bassa
chi ha preso gli applausi, chi le urla "vergogna"

VIDEO / Genova, fischiato il PD. E adesso Orfini carica a testa bassa

"C'è un tirante deformato". Il documento che inchioda i Benetton
l'inchiesta del corriere sul sistema numero nove

"C'è un tirante deformato". Il documento che inchioda i Benetton

E su Facebook compare il "compagno" che denigra i morti di Genova
quando i social danno voce e dignità anche ai pirla

E su Facebook compare il "compagno" che denigra i morti di Genova

Ponte di Genova, si sapeva da tre anni
il governo a guida pd non fece nulla

Ponte di Genova, si sapeva da tre anni


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU