IL TYCOON SI RIALZA

Sorpresa negli USA: Trump asfalta la Clinton e torna in corsa

Dopo le pesanti accuse di sessismo che rischiavano di distruggere la sua campagna elettorale, il candidato repubblicano ha nettamente trionfato nel secondo dibattito contro Hillary, riaprendo di fatto la partita

Francesco Vozza
Sorpresa negli USA: Trump asfalta la Clinton e torna in corsa

E chi l'avrebbe mai detto che Donald Trump potesse tornare in gioco. Nessuno scommetteva più su di lui dopo la pubblicazione di quell'audio in cui parlava in modo volgare delle donne. E, invece, il tycoon ha ancora una volta sorpreso tutti, trionfando nettamente nel secondo dibattito di questa notte contro Hillary Clinton.

Il candidato repubblicano si è presentato come un uomo all'attacco, pronto a dare battaglia fino alla fine contro la sua rivale: e, infatti, pur scusandosi subito per quelle sue parole stupide pronunciate molti anni fa, ha portato con sé tre donne molestate sessualmente da Bill Clinton e, nel corso del dibattito, ha accusato la candidata democratica di aver protetto più volte suo marito, nonostante i suoi stupri. Non solo. Trump ha detto chiaramente che se dovesse diventare presidente manderebbe in galera Hillary per la questione delle mail.

La Clinton, paradossalmente, invece di trovarsi in una posizione di forza come pensava, è dovuta passare sulla difensiva, rispondendo alle accuse e alle feroci critiche del suo avversario. Alla fine "The Donald" è riuscito a concentrare il dibattito sui temi veri di questa campagna elettorale, ad esempio la politica estera: La Clinton ha ribadito di voler giocare alla guerra contro la Russia, mentre Trump ha detto ancora una volta che il nemico è il terrorismo islamico e che, perciò, bisogna collaborare con Putin e Assad. Trump è riuscito a strappare applausi, così come la Clinton, che, però, in qualche modo giocava in casa (città democratica, moderatori del dibattito vicini alle sue posizioni).

Tutti i principali quotidiani sono stati costretti ad ammettere che la performance di Trump sia stata decisamente sopra le righe ed efficace. E a dimostrazione del successo del magnate newyorkese, alla fine del dibattito è arrivato tramite Twitter anche il riallineamento del suo Vice, quel Mike Pence che sembrava pronto a voltargli le spalle: "Sono orgoglioso di stare con te". E così è finita anche la rivolta repubblicana. Adesso Trump farà davvero sul serio e proverà a vincere.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU