Incastrato dalle impronte

Varese, l'assassino del leghista è un delinquente africano già condannato

È stato l'ivoriano 21enne Emmanuel Djakoure, con un lungo curriculum di reati alle spalle, ad uccidere il 41enne disabile Claudio Silvestri a Jerago con Orago

Redazione
Varese, l'assassino del leghista è un delinquente africano già condannato

Emmanuel Djakoure e Claudio Silvestri. Da varesenews.it

"Lo Stato italiano e qualche magistrato mi dovrebbero spiegare perché questo tizio era libero di scorrazzare per le nostre strade": così ha scritto su Facebook mercoledì 10 agosto Andrea Cassani, sindaco di Gallarate, poche ore dopo l'arresto di Emmanuel Djakoure, reo confesso dell'omicidio di Claudio Silvestri, il militante leghista ucciso nella sua casa di Jerago con Orago. L'immigrato aveva un curriculum criminale che - come ha sottolineato la Procura - aveva visto una escalation in frequenza e gravità. A suo carico risultano un decreto penale di condanna, tre archiviazioni per violazioni di legge sull'immigrazione, un furto e un oltraggio, una serie di furti per cui era stata già emessa la citazione diretta o in corso la conclusione indagini, tra cui alcuni fatti che risalgono al 30 aprile e al 2 giugno del 2016 compresa una recente rapina avvenuta su un treno.

Nella sera di giovedì 4 agosto le due storie di Emmanuel e Claudio si sono incrociate proprio a Gallarate, nei pressi della stazione, con un esito tragico: il furto, poche decine di euro, una macchina fotografica, profumi e poi l'omicidio. Il corpo del 41enne, conosciuto in paese come "Ozzo", disabile da quando era sopravvissuto ad un tragico incidente stradale nel 2000, è stato rinvenuto nella mattinata di venerdì 5 agosto dal fratello nell'abitazione di Via Vittoria. I Carabinieri della stazione di Albizzate sono arrivati sul posto e hanno trovato la vittima, a terra nella sala, con evidenti segni di strangolamento sul collo, che hanno fatto pensare sin dal primo istante ad un omicidio.

A incastrare l'ivoriano, che ha ammesso ogni responsabilità, è stata un'impronta digitale trovata su un vaso in casa di Silvestri. Quando il giovane è stato fermato aveva con sé l'orologio della vittima, il suo cellulare, monili vari rubati da casa sua e quattrocentotrenta euro in contanti rubati da casa di sua madre. Djakourè aveva intenzione di fuggire e riparare in Svizzera da un conoscente, ma i carabinieri lo hanno intercettato appena in tempo. Al fermato sono stati contestati l'omicidio aggravato dalla circostanza della disabilità della vittima e la rapina aggravata. L'uomo ha raccontato di averlo strozzato a mani nude ma dall'autopsia risulta, invece, che abbia usato una fascia di tessuto.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU