Succede a Ravenna

Poliziotta nei guai per un post contro il "solito schifoso parcheggiatore abusivo"

La donna ha definito gli stranieri che gestiscono il business illegale della sosta "puzzoni mantenuti a cui tutto è permesso dall'amministrazione comunale"

Redazione
Poliziotta nei guai per un post contro un "solito schifoso parcheggiatore abusivo"

Una volante della polizia. Da poliziadistato.it

Un post pubblicato martedì sera da una poliziotta delle volanti su un gruppo chiamato "Ravenna Sicura" e poi rimosso da Facebook, sta suscitando polemiche nella città romagnola. Nel messaggio, come riportato dalla stampa locale, la donna, parlando "come cittadina e come poliziotta", ha definito "solito schifoso parcheggiatore abusivo" lo straniero con cui aveva avuto da poco un diverbio in Piazza Baracca. Tra le altre cose, ha spiegato di essere "diventata razzista non per il colore della pelle ma per la 'razza' di esseri str... e maleducati che sono quel gruppo lì, uniti ai loro cugini dei carrelli e dei finti profughi con gli Iphone in Piazza San Francesco o che bighellonano da mattino a sera" nel centro della città romagnola.

"Verso mezzogiorno, mentre ero in servizio, proprio qui in Piazza Baracca", ha scritto la poliziotta, "ho cercato di mandarli via perché facevano i prepotenti con tutti e ridevano in faccia a me e al mio collega". La risposta che la donna attribuisce allo straniero è questa: "Ghiama ghi di bare gogliona dando non bi fade ghiente". Ovviamente, l'agente ha già ben presente che rischia provvedimenti tanto che ha continuato in questo modo: "Io probabilmente verrò richiamata perché un poliziotto non può mai permettersi di dire che ne ha le palle piene di sti cialtroni".

La donna, che ha denunciato di provare un "senso di inutilità e impotenza", ha anche definito i parcheggiatori stranieri abusivi "questi puzzoni mantenuti a cui tutto è permesso dall'amministrazione comunale". Il post in questione ha in pochissimo tempo avuto centinaia di condivisioni e tantissimi "like", prima di venire rimosso. Il Questore intanto già mercoledì mattina ha convocato la donna, per un chiarimento sulla questione. Sul caso è stato aperto come di prassi un procedimento disciplinare.

I componenti del gruppo Facebook (quasi 7.000 iscritti) concordano in gran numero con l'agente e le esprimono solidarietà a fronte di quello che potrà accaderle dal punto di vista disciplinare. "Ho diciotto anni di servizio e non ho mai avuto problemi con nessuno", racconta lei contattata telefonicamente, "sono una persona tranquilla e chi mi conosce sa bene che non sono affatto razzista, come del resto spiegavo nello status stesso. Forse mi sono espressa male, a parlare non era la poliziotta, ma la donna che era appena stata aggredita. Questa città non è più sicura, io temo di lasciare andare in giro le mie figlie".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU