Economista di Panorama indaga

FIAT, esiste ancora?

Si sente spesso dire che la FIAT era solita dividere i debiti e mai i crediti. In altre parole, che senza i sussidi del Governo italiano non ce l'avrebbe mai fatta a stare in piedi. Verità o leggenda? Ne abbiamo parlato con un esperto

Alfredo Lissoni
FIAT, esiste ancora?

Foto ANSA

Marco Cobianchi è un economista di Panorama, autore del libro American Dream - Così Marchionne ha salvato la Crhysler ed ucciso la FIAT (Chiarelettere). Lo abbiamo intervistato.


Dottor Cobianchi, Marchionne ha salvato o ucciso la FIAT?

Questa è la domanda da cui sono partito, se cioè Marchionne abbia salvato la FIAT. Nel 2004, quando Marchionne divenne amministratore delegato del gruppo FIAT l'azienda non era tecnicamente fallita, come ci è stato raccontato. La FIAT aveva dentro di sè delle aziende eccellenti, come la CNH, che è ancora oggi l'unica che produce utili avendo le ruote. Poi CNH è stata scorporata dalla FIAT e messa sotto Exor, la finanziaria della famiglia Agnelli attraverso la quale si controlla l'impero del gruppo. Ha venduto molto nel 2004-6, non era fallita, anche se sembrava. Perdeva miliardi ogni anno ma aveva dentro di sé le risorse per ripartire. Ma soprattutto Marchionne è riuscito a ripartire grazie al sostegno convinto e prolungato dello Stato. Senza lo stato non sarebbe riuscito a sopravvivere.

La FIAT è parte di una multinazionale quotata a New York, con sede ad Amsterdam e che paga le tasse a Londra. Altro che FIAT Italia...

FIAT Italia non esiste più, è parte di una multinazionale che ha il cervelloa Detroit. Non a caso Marchionne la casa l'ha presa a Detroit, non a Torino. Facendo parte di una multinazionale che ragiona in senso mondo, guardando i bilanci si scopre che c'è una parte che perde 911 milioni all'anno, ed è l'Italia, ed una parte che guadagna 1 miliardo e 800 milioni di euro all'anno, ed è l'America. Ora, io non conosco nessuna multinazionale che possa sopportare a lungo che 5-6 fabbriche concentrate in un solo Paese, l'Italia, che lavorano sul mercato più difficile del mondo, che è l'Europa, con margini molto bassi e poche immatricolazioni, possa perdere 900 milioni l'anno. Non esiste.

E quindi?

Ciò significa che i politici dovrebbero smettere di osannare la FIAT e Marchionne. L'epoca in cui andavano a lucidare lemaniglie di casa Agnelli è finita. Dovrebbero semmai porsi il problema dell'esistenza di fabbriche che producono perdite. Non è certo colpa dei dipendenti o degli operai ma, per dare un'idea della situazione, gli operai americani lavorano per pagare gli stipendi ai loro colleghi italiani. Tutto ciò non potrà durare a lungo...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Corsico, aggressione al gazebo della Lega
zecche rosse in azione. max bastoni: "non ci fermeranno"

Corsico, aggressione al gazebo della Lega

Eliminare Salvini. Libero pubblica le chat dei magistrati
il carroccio cambia?

La svolta europeista di Salvini

I seguaci del demonio? Sono fra noi
nuovo ordine mondiale - 4

I seguaci del demonio? Sono fra noi

FIAT, esiste ancora?
Economista di Panorama indaga

FIAT, esiste ancora?

FLAT TAX, il libro della rivoluzione fiscale
Shock fiscale, ecco il manuale

Flat Tax, il libro della rivoluzione fiscale


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU