braccio di ferro comune-carroccio

Moschea abusiva a Cinisello Balsamo. La Lega: "O si chiude o se ne tornino a casa loro"

I leghisti Colla e Ghilardi: "Il Comune parte col piede sbagliato se pensa che un colpo di spugna sia sufficiente per azzerare anni di abusivismo e di mancato rispetto delle norme"

Alfredo Lissoni
Moschea abusiva a Cinisello Balsamo. La Lega: "O si chiude o se ne tornino a casa loro"

A sinistra, la moschea abusiva. A destra, i leghisti Jari Colla e Giacomo Ghilardi con Matteo Salvini

Una moschea abusiva (due, per la verità, l'altra si trova in via Frisia) in via Matteotti a Cinisello Balsamo, nel Milanese? Il sindaco piddino difende il Centro culturale islamico che la gestisce. "Avrà a disposizione 60 giorni per sanare l'abuso e cambiare destinazione d'uso", si legge sul sito del Comune. "Questo atto non è da intendersi come una chiusura nei confronti dell'Associazione, è solo una questione di rispetto delle regole", è la sviolinata. Con la promessa che, in tal caso, l'Associazione potrà continuare a lavorare (o a islamizzare?).


Ma la Lega locale non ci sta, torna sulle barricate e denuncia: “Dopo la sentenza del Tar che ci ha dato ragione, l'Amministrazione comunale fa spallucce dicendo che non può provvedere allo sgombero dei capannoni industriali, come prevede la Legge Regionale, perché il Centro di via Matteotti 66 non si qualifica come luogo di culto ma come associazione culturale”, dichiara il vicecapogruppo della Lega Nord in Consiglio Regionale Jari Colla.


“Sappiamo benissimo”, gli fa eco il consigliere comunale del Carroccio Giacomo Ghilardi, “che questo è l'escamotage che usano buona parte degli imam che aprono moschee abusive. Al sindaco Siria (sic!, NdA)Trezzi chiediamo che faccia applicare immediatamente la legge”. I due consiglieri leghisti richiamano uno stralcio della lettera che l'Assessore regionale al Territorio ha inviato a 1.524 sindaci lombardi: “Se non si rispettano i requisiti previsti dalla legge, i sindaci possono intervenire per interrompere l'attività, perché non è ammissibile continuare a chiudere gli occhi di fronte a magazzini, negozi, capannoni o appartamenti privati usarti come moschee. Strutture prive di alcun tipo di controllo e spesso in sprezzo ad ogni normativa vigente”.


“Al Comune che si dice ben contento di 'proseguire in un cammino di integrazione' non appena l'associazione dovesse cambiare la destinazione d'uso dei locali rendendoli idonei al nuovo utilizzo, diciamo che parte decisamente col piede sbagliato se pensa che un colpo di spugna sia sufficiente per azzerare anni di abusivismo e di mancato rispetto delle norme. Il rispetto della legge deve essere il primo requisito di una comunità che si vuole integrare; diversamente c'è sempre la possibilità di ritornare a casa propria”, concludono i due consiglieri del Carroccio. Adesso si attendono scintille...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"
"si affida porta ingresso Ue a trafficanti"

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"
quella sinistra che non si rassegna

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"

Sirignano: "Dietro l'immigrazione c'è la mafia straniera"
Magistrato DNA: "gestiscono tratta esseri umani"

Sirignano: "Dietro l'immigrazione c'è la mafia straniera"

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"
"si affida porta ingresso Ue a trafficanti"

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"

Migranti, Spagna accoglierà l'Aquarius a Valencia. Salvini: 'Altra nave ong in mare, diciamo no
il capitano: "Evidentemente alzare la voce paga"

Vince Salvini, i buonisti cedono: Aquarius sbarcherà in Spagna


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU