sberla in faccia alla sinistra

"Troppi nigeriani delinquenti". S'incazzano i radical-chic, ma a dirlo è...il presidente nigeriano!

"Difficile farsi accettare dagli europei e dagli americani, a causa del numero di miei connazionali detenuti in carcere. Restino a casa loro!"

Alfredo Lissoni
"Troppi nigeriani delinquenti". S'incazzano i radical-chic, ma a dirlo è...il presidente nigeriano!

Ha scatenato un putiferio, in Nigeria come nell'Occidente radical-chic, la dichiarazione rilasciata al quotidiano britannico Telegraph che "in Nigeria sono perfettamente consapevoli che in Europa gli immigrati nigeriani hanno una reputazione negativa: non per razzismo, ma per un dato di fatto. Che molti immigrati nigeriani finiscono in prigione".


Apriti cieli! Chi l'ha detta? Qualche "pericoloso" populista? Qualche feroce xenofobo? Qualche nostalgico "razzista-fascista- nazista-specchio-della-deriva-pericolosa-e-balle-varie?" Macché. A parlare è l'ex generale Muhammadu Buhari. Nigeriano. E "compagno". Che come ex militare e musulmano con le palle d'acciaio non ha peli sulla lingua e sbatte a tutti in faccia la realtà dei fatti. Può farlo, è l'attuale presidente della Nigeria. E dunque sa bene di cosa parla.


"Alcuni nigeriani dicono che la vita nella loro patria è troppo difficile", ha sottolineato, "ma è anche vero che hanno reso difficile farsi accettare dagli europei e dagli americani, a causa del numero di nigeriani detenuti in carcere in tutto il mondo accusati di traffico di droga o di traffico di esseri umani. Non penso che i nigeriani abbiano qualcuno da incolpare: possono rimanere a casa loro, dove possono rendersi utili per ricostruire il Paese".

Proprio un giornale nigeriano, il Vanguard, in questi giorni ha pubblicato statistiche da far accapponare la pelle: la maggior parte dei nigeriani all'estero è in carcere per spaccio di droga o tratta di esseri umani. Poi, in tutta Europa, ci sono diecimila nigeriane forzate a prostituirsi, spesso dalle proprie famiglie. Per di più lo stesso fenomeno di fuga di massa si rileva anche in Sudafrica, altra meta prediletta degli immigrati nigeriani. E questi flussi, sottolinea il giornale, sono alimentati da criminalità locale. In Africa lo sanno bene, gli unici ad avere le fette di salame sugli occhi sono i nostri radical-chic, ai quali il presidente Buhari ha dato un bello schiaffo morale.


Dopo queste dichiarazioni, i buonisti locali hanno attaccato il presidente, che però ha rilanciato, con un discorso che suona come "aiutiamoli a casa nostra". E che, per scongiurare gli esodi biblici dal suo Paese, ha inasprito, con l'Immigration Regulation 2017, le pene per contrastare il fenomeno. Altro che Minniti...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Baby gang terrorizzava Mantova. Arrestato il capo
violenti pestaggi e rapine a suon di botte

Baby gang terrorizzava Mantova. Arrestato il boss


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU