LE BARELLE NON BASTANO

Campania, la vergogna dell'ospedale di Nola: i pazienti vengono curati per terra

Finisce nel tritacarne mediatico l'ospedale Santa Maria della Pietà: sui social, infatti, è stata pubblicata una foto in cui si vedono alcuni pazienti distesi per terra. E, intanto, tre medici sono già stati sospesi

Francesco Vozza
Campania, la vergogna dell'ospedale di Nola: i pazienti vengono curati per terra

Un solo scatto postato sui social ha fatto finire nel tritacarne mediatico l'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola (Napoli): nella foto, infatti, si vedono due pazienti distesi per terra. Per loro, purtroppo, non c'erano più barelle disponibili e i medici, pertanto, non hanno trovato altra soluzione che curarli in quelle assurde condizioni. Una episodio che fa rabbrividire, soprattutto perché non sarebbe nemmeno la prima volta che capita. La differenza con le altre volte, però, è che in questo caso è diventato tutto di dominio pubblico, sollevando un grossissimo polverone: tre medici sono già stati sospesi dall'Asl, che, però, per bocca della responsabile Antonietta Costantini, si è anche affrettata a precisare che "se ci sono stati tutti questi accessi al pronto soccorso, è chiaro che qualcosa non ha funzionato a livello di assistenza territoriale, e non è quindi l’ospedale ad avere tutte le colpe.".

Ad abbozzare un'ulteriore difesa di ciò che è successo ci ha anche pensato anche uno dei medici sospesi, il direttore dell'ospedale, Andrea De Stefano: "Una di quelle persone era in arresto cardiaco, ma che dovevamo fare senza letti né barelle, mandarla via? I medici hanno preferito fare la defibrillazione sul pavimento, pur di salvarle la vita come è accaduto.". Sarà anche così, ma non è comunque giustificabile curare dei pazienti per terra. Perché in un ospedale c'è in gioco non soltanto la vita dei malati, ma anche la loro dignità.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Immigrati, chi ci campa?
accoglienza e bastonate

Immigrati, chi ci campa?

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita
carpi, Vittima 19enne per bottino da 100 euro

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita

Incidente causato da Paolini, la donna più grave è morta
accusa di omicidio stradale per l'attore

Incidente causato da Paolini, la donna più grave è morta

Igor il russo: "Dio mi ha ordinato tre omicidi"
il killer serbo agli psicologi del carcere

Igor il russo: "Uccidevo per conto di Dio"

Maltrattavano i bambini dell'asilo, tre anni all'ex titolare
A maestra e a ex coordinatrice 16 mesi e 7 mesi

Maltrattavano i bambini dell'asilo, tre anni all'ex titolare


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU