Ha senso difendere la Fornero?

Un “Panorama” sempre più piccolo

Spiace vedere Berlusconi cominciare la propria opposizione coi media di proprietà

Andrea Lorusso
Un “Panorama” sempre più piccolo

Foto panorama.it

Forza Italia assomiglia a quei grandi carrozzoni pubblici che per prendere una decisione devono interpellare decine di quadri dirigenti con opinioni divergenti, oppure aspettare che il  Presidente verghi una virata e tiri fuori dall’impasse il partito. Certo è, che se da un lato non ha usato ferocia il Cavaliere contro il nuovo Esecutivo, di sicuro dall'altro ha dato mandato ai suoi giornali di avvelenare il Conte in interregno con Di Maio e Salvini.

Si è capito subito, basta sfogliare Il Giornale cartaceo o cliccare IlGiornale.it, per trovare decine e decine di articoli in contrasto, da quelli scetticamente morbidi sui provvedimenti futuri a quelli velenosi e di basso rango: “Il ragazzo di sinistra devoto a Padre Pio”, titolava uno di questi contro il nuovo Premier.

Può capitare di svegliarsi tutt’un tratto filoeuropeisti, anti Putin, pro Monti, e devoti alla moneta unica.
Senza volere mettere in discussione la buona fede, se esiste una giustizia ad orologeria, esiste evidentemente anche una informazione a libro paga, che vira velocemente sulle posizioni del padrone.

Da abbonato a Panorama sfogliavo l’ultimo numero datato 7 Giugno 2018. Anzitutto la copertina, a tutto sfondo una Elsa Fornero gigante – di cui mi interrogo – vabbè, sarà grande quanto le storture che ha portato al sistema pensionistico!

E invece no, già leggendo l’editoriale del direttore Raffaele Leone, si scopre subito che, mettendo le mani avanti sul rischio di perdere lettori, viene difesa la signora e le malefatte sarebbero dei populisti che vogliono abolirla quella riforma. Da pagina 30 a pagina 35, per ben dieci colonne, il più grande ed importante settimanale d’Italia “porge l’altra guancia” all’ex Ministro tanto offeso e criticato, ma che all’epoca trovò il sostegno di autorevoli esponenti del PD e del PDL.

Bene, la prima riflessione politica è da sintetizzarsi nello sbriciolamento di quei due partiti, che hanno finto di farsi opposizione per poi portare avanti programmi in carta copiativa, e ora che sono finiti fisiologicamente in minoranza, si comportano ancora come due facce della stessa medaglia.

Peccato, perché in fondo l’unione di centrodestra aveva un senso, il programma che si sta portando avanti non tradisce quel mandato, e in molti comuni ed in molte regioni si governa e ci si presenta ancora assieme.

Peccato ancora, perché Berlusconi è sempre stato in sintonia con il corpo elettorale, con le sue esigenze e le sue pulsioni, e mai in passato avrebbe tradito la maggioranza degli italiani. Quando tutto il Pianeta sfotte il ritrovato sovranismo italiano, il Cavaliere avrebbe l’occasione con le sue reti di difendere l’orgoglio Nazionale. Lui sa bene cosa significhi lo sputtanamento globale, che ha vissuto in prima persona con i suoi affetti personali.

I guardiani della soglia che lavorano contro il cambiamento verranno spazzati via dalla storia,  e Berlusconi potrebbe guadagnarci due volte, con una immagine trionfale e come editore Mondadori, sennò i libri chi li stampa?

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il buonismo spagnolo s'è già esaurito: "No ad Aquarius"
tanti pistolotti all'italia, ma poi...

Il buonismo spagnolo s'è già esaurito: "No ad Aquarius"

Daisy in finale . E...ci perdona tutti
prima monta 'n casino de gnente e poi...

Daisy in finale . E...ci perdona tutti

Saviano condannato per diffamazione
tira tira, alla fine...

Saviano condannato per diffamazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU