PEOPLE

George Clooney ha detto “I do” perché sogna di diventare Presidente

Rivelazioni choc nella biografia non autorizzata dell’attore e della moglie Amal Alamuddin

Elena Salvarezza
George Clooney ha detto “I do”  perché sogna di diventare Presidente

Fonte Foto: Just Jared

Uno dei più famosi attori e produttori del mondo ci aveva fatto sognare con le sue dichiarazioni rilasciate al magazine Esquire: "Ho trovato l'amore della mia vita a 52 anni e non potrei essere più felice". Così George Clooney aveva svelato il suo amore perfetto per la bellissima Amal Alamuddin, avvocato di fama internazionale, sposata nel settembre 2014 con un matrimonio da favola celebrato proprio in Italia, nella romantica Venezia. Percorsi di vita e contesti lavorativi differenti, ma soprattutto provenienze e culture diverse. Entrambi però persone estremamente ambiziose e dai caratteri simili: poco inclini alla vita mondana e molto attenti alla privacy, famosi non solo per i successi sul lavoro ma anche per il loro costante impegno in campo umanitario e sociale. 



Se un cielo blu senza nuvole bianche è come un giardino senza fiori, ora il cielo si presenta a tratti nuvoloso anche nella loro vita incantata. "George Clooney, Une Ambition Sécrète" è infatti il libro choc scritto a quattro mani dalle due scrittrici francesi Maelle Brun e Amelle Zaid che, dopo una inchiesta durata un intero anno, svela alcuni dei segreti della vita privata della coppia Clooney. Dalla biografia emergerebbe l’ambizione di diventare Presidente ed abitare alla Casa Bianca, obiettivo perseguibile accanto ad una first lady così elegante e colta come Amal. Un matrimonio d’amore il loro, senza dubbio, ma a quanto pare assai pianificato e lungimirante. I due non confermano, ma neppure smentiscono quanto emerge dalla biografia e non c’è da stupirsi. George è solito lasciare le persone nel dubbio, come le voci che da tempo riguardano la sua omosessualità. Negli anni solo tanti sentori, ma nessuna dimostrazione che possa confermale o metterle a tacere. Chissà se anche Agatha Christie avrebbe dedicato all’attore uno dei suoi romanzi, magari esordendo con: “un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

La politica secondo Povia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU