La cinica assurdità assicurativa

Ridotta l'assicurazione perchè non avevano la cintura

L'episodio increscioso in cui un'assicurazione, pur di risparmiare qualche decina di migliaia di euro, beffa le famiglie delle vittime

Ismaele Rognoni
Incidente pullman spagna

Foto Avvenire

Francesca Bonello, Serena Saracino, Valentina Gallo, Elena Maestrini, Elisa Valent, Lucrezia Borghi, Elisa Scarascia Mugnozza oltre a due studentesse tedesche, una romena, una uzbeka, una francese ed una austriaca. Queste ragazze, con un'età compresa tra i 19 e i 25 anni, persero la vita nell'incidente del pullman spagnolo, avvenuto lo scorzo 21 marzo nel tratto di strada tra Barcellona e Valencia, che ha commosso l'intera Europa.

Alla vergogna non c'è mai fine. Le assicurazioni competenti nel calcolo del risarcimento per la morte delle ragazze italiane sembra abbiano quantificato che la cifra che dovrà essere rimborsata è inferiore a 70mila euro. Tale indennizzo, secondo il cinismo impietoso delle compagnie assicurative, dovrà essere decurtato del 25% perché le vittime dell'incidente, al momento dello schianto, non indossavano le cinture di sicurezza. Vittime innocenti assassinate dall'errore dell'autista, che aveva confessato, addormentatosi mentre era alla guida e che ha fatto schiantare il pullman.

L'avvocato Maria Cleme Bartesaghi, portavoce dei legali delle sette famiglie italiane, ha commentato: "Ciò che fa più male è che l'assicurazione spagnola ha preso tale posizione prima ancora che l'inchiesta abbia accertato realmente come siano andate davvero le cose". I famigliari delle povere vittime innocenti promettono battaglia legale e fonderanno, il 22 luglio, l'associazione "Genitori generazione Erasmus-Uniti perché non accada mai più".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il gran rifiuto di Marine, uno schiaffo alle fighette radical chic
aaa
arrivano a milioni, ma guai se protesti

Razzisti per caso

La stilista islamica Cinzia Rodolfi è stata duramente attaccata dali radicali salafiti
Le idee dell'italiana convertita

Stilista islamica attaccata dai radicali salafiti


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU