Risorse violente, la gente dice basta

Spacciatore tunisino, parla la moglie della vittima. E la protesta esplode sui social

A Mestre un 38enne aggredito davanti ai suoi bambini di 10 e 6 anni da un immigrato, che gli aveva offerto di acquistare degli stupefacenti. Chi ha visto esprime la sua rabbia, chi legge si incazza ancor di più

Redazione
Rifiuta la droga e lo spacciatore immigrato lo massacra davanti ai figli

Una foto scattata dai residenti. Da Facebook

C'è rabbia e tanta voglia di giustizia nelle parole della moglie del 38enne aggredito nella picchiato domenica 10 luglio, attorno alle 9, in Via Fogazzaro a Mestre. Lei stessa e i figli della coppia, uno di 10 e uno di 6 anni, hanno assistito impotenti e terrorizzati all'aggressione: "Come ogni mattina mio marito era uscito per la passeggiata con i nostri cani", ha raccontato alla pagina Facebook Sos-Mestre. "Era tranquillo, mai si sarebbe aspettato quello che poi è successo. Ad un certo punto, infatti, sotto casa, uno spacciatore tunisino della zona, che noi conosciamo molto bene di vista, gli si è avvicinato per offrirgli della droga. Purtroppo almeno in questa zona lo fanno spesso, per loro è normale fermare i passanti e domandare se vogliono dello stupefacente". Ma l'uomo non è interessato alla droga e il pusher si altera. "Al rifiuto di mio marito", continua la donna, "lui ha cercato lo scontro e senza che avesse il tempo di capire quello che stava succedendo, lo ha preso a pugni al volto. Mio marito allora ha gridato e fortunatamente le urla hanno raggiunto un vicino di casa che è sceso in strada, ha rincorso l'aggressore e lo ha messo in fuga. Ho chiamato due volte la polizia e alla fine, quando ormai lo spacciatore era lontano, sono arrivati".

L'episodio, però, non si è esaurito così. Il malvivente, infatti, ha avuto il tempo di minacciare l'uomo prima di scappare: "So chi sei e dove abiti" gli ha detto. Purtroppo il degrado in quella zona è noto e la paura dei residenti, che cercano di continuare in qualche modo la vita di tutti i giorni, è tanta: "Mio marito non è andato in cerca di problemi, anzi cerchiamo sempre di evitarli. Ci conviviamo tutti i giorni con questa situazione solo che un'aggressione del genere non era mai capitata. Figuratevi che io per non avere guai non percorro mai il mio marciapiede perché passerei davanti a loro fermi sul muretto o davanti al bar dove si radunano. Anzi a volte evito anche il tratto di strada dove c'è un furgone parcheggiato perché penso sempre che si possano nascondere lì dietro. Ogni tanto il territorio è presidiato dalle camionette dei militari ma poi vanno via. E comunque, possono fargli poco o nulla. Quel che è peggio", continua la moglie, "è che il pusher conosce di vista mio marito e sa che è un padre di famiglia. Sa benissimo chi siamo, sa che siamo una famiglia con dei bambini. Ogni tanto lo incontriamo quando va nella moschea sotto casa nostra. Eppure non si è fatto scrupoli. I nostri figli hanno assistito alla scena dal terrazzo di casa, sono rimasti traumatizzati. Non è razzismo, questi sono delinquenti".

La priorità, ora, è denunciare l'accaduto: "Non è giusto sorvolare su queste cose. Certo dobbiamo convivere con il timore, ovviamente sarò sempre in pensiero quando mio marito uscirà ancora, o quando usciremo con i nostri figli. Siamo amareggiati perché siamo qui da tempo e noi, nati e vissuti qui, dobbiamo andare via e cambiare le nostre abitudini per colpa di queste persone. Non è giusto". Sul posto è arrivata la polizia del commissariato di Mestre che ha identificato il tunisino. La vittima ha riportato un trauma perioculare, un occhio nero, e i medici gli hanno dato sei giorni di prognosi. Il fatto ha indignato i residenti mestrini, esasperati dalla violenza e dal comportamento di alcuni clandestini della zona: sui social, in particolare sulla pagina del "Comitato Sos Mestre-Ve", monta la protesta e in tanti hanno voluto esprimere la loro solidarietà alla vittima, che poteva essere uno qualsiasi di loro.


"Una vergona, che Renzi abbia depenalizzato i reati, ma sicuramente l'ha fatto con un intento ben studiato", scrive sulla pagina social Giulia; "Ci sono ancora troppi buonisti che giustificano questi casi gravissimi solamente perché vivono in una campana di vetro, ma prima o poi tutti assaggeranno l'amara realtà!", commenta Marco; "Abbiamo scritto raccomandate a/r a Sindaco, questore e prefetto. Non è servito a niente! Chiamiamo la polizia e ci dicono di fare esposti...Chiudete una buona volta e definitivamente la moschea, chiudete i bar di via Artisti ed il call center in particolare, controllate i negozi e date un regolamento restrittivo alle loro attività. E controllate i proprietari, chi affitta a questa gentaglia! Vogliamo i nomi di questi italiani, è da anni che lo segnaliamo! E poi, da dove sbucano queste persone, tante e tutte in una volta?", si arrabbia Calimero, sempre sulla pagina Comitato Sos Mestre. Decine e decine di commenti, alcuni dei uali irriferibili, tana è l'esasperazione della gente. Meditate, politici, meditate...


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ai nostri figli danno il cibo africano
L'iniziativa è del Comune di Azzate

Ai nostri figli danno il cibo africano

Questa nave costa 341mila euro al mese. Per farci invadere.
Organizzazioni Non Governative ma col portafoglio

Questa nave costa 341mila euro al mese. Per farci invadere


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU