accusato di tentata estorsione per conto di un boss

Ex Prima Linea assolto a Torino

Il nome di D'Onofrio è stato accostato da un pentito all'omicidio, nel 1983, del magistrato torinese Bruno Caccia, ma la procura di Milano finora non ha preso alcun provvedimento

Redazione
Ex Prima Linea assolto a Torino

Foto ANSA

E' stato assolto giovedì dall'accusa di tentata estorsione Francesco D'Onofrio, un ex militante nei Colp (formazione nata dopo lo scioglimento dell'organizzazione terroristica Prima Linea) che secondo numerosi filoni di indagine è in contatto con esponenti della 'ndrangheta in Piemonte.


Il processo era una propaggine dell'inchiesta 'Big Bang'. D'Onofrio non rispondeva di associazione per delinquere, ma di complicità nelle richieste di denaro fatte da alcuni 'ndranghetisti a un commerciante d'auto. Il nome di D'Onofrio è stato accostato da un pentito all'omicidio, nel 1983, del magistrato torinese Bruno Caccia, ma la procura di Milano finora non ha preso alcun provvedimento.

Nel processo di giovedì, D'Onofrio (che è difeso dall'avvocato Roberto Lamacchia) era accusato di essersi presentato dal commerciante annunciando "qualcuno ti verrà a cercare". Lo stessa vittima, però, in aula ha negato di avere subito pressioni o minacce, tanto che il pm ha chiesto e ottenuto dal tribunale la trasmissione degli atti.
   

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Rifugiati, l'Onu approva il Global compact on Refugees
vogliono farci invadere a tutti i costi

Rifugiati, l'Onu approva il Global Compact on Refugees

Sinistra nella mer*a: su Hezbollah ha ragione Salvini
Israele scopre un nuovo tunnel segreto, il quarto

Sinistra nella mer*a: su Hezbollah ha ragione Salvini

Immigrati, arriva Juncker. E parla di "Stati ipocriti"
"Alcuni paesi rifiutano di potenziare controllo frontiere"

Immigrati, arriva Juncker. E parla di "Stati ipocriti"

Quell’incrocio perverso fra “nuovi diritti” e immigrazione clandestina
Permesso di soggiorno per convivenza di fatto: altro regalo al racket

Quell’incrocio perverso fra “nuovi diritti” e immigrazione clandestina


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU