La manifestazione della svolta

Toti in piazza a Firenze con Salvini: "Matteo fa bene a candidarsi leader"

Il governatore della Liguria in un'intervista a Repubblica rompe con il passato: "Bisogna ripartire già adesso, il raduno di domani è l’occasione giusta". Poi liquida Parisi: "Mi sembra intento a lavorare a un’area moderata, sulla quale nutro molte perplessità"

Marco Dozio
Toti in piazza a Firenze con Salvini: "Matteo fa bene a candidarsi leader"

Foto Ansa

La manifestazione di domani a Firenze, convocata da Matteo Salvini per dire No a Renzi e alla sua pessima riforma, segnerà l’inizio di una nuova fase della politica italiana. E del centrodestra in particolare. A dirlo è Giovanni Toti, esponente di primissimo piano di Forza Italia. In un’intervista a Repubblica, il governatore della Liguria apre alla leadership di Salvini: “Fa bene a candidarsi”. “Matteo ha portato la Lega a percentuali mai registrate prima e fa bene ad avanzare la sua candidatura”. La posizione di Toti si salda a quella di Giorgia Meloni andando a comporre un nuovo centrodestra “populista” trainato dalla Lega, capace di rompere con le logiche compromissorie, paludate e democristiane del recente passato.

Assimilando la lezione di Donald Trump, presidente degli Stati Uniti anche a dispetto degli scetticismi e delle ironie di vari forzisti come Brunetta, Gasparri o Romani, che a differenza di Toti solo a vittoria acquisita si sono riscoperti trumpisti del giorno dopo. “La vittoria di Trump conferma che ormai i politici vengono distinti dagli elettori tra coloro che additano problemi reali e li denunciano - la povertà crescente, l’economia al palo, l’immigrazione, l’insicurezza - e coloro che fingono che quei problemi non esistano. E premiano i primi. A patto però che diano anche la soluzione ai problemi che denunciano”.

Sul palco di Firenze, Salvini, Toti e Meloni sono pronti alla svolta. La piattaforma programmatica da cui ripartire esiste già e la Lega l’ha messa sul tavolo in tempi non sospetti. Ricette sovrapponibili, se non identiche in molti passaggi, a quelle che hanno portato a trionfare Donald Trump: dalla flat tax al 15% per tagliare davvero le tasse ai dazi per salvare imprese e lavoratori, fino alle politiche sull’immigrazione.

“Bisogna ripartire già adesso, il raduno di domani a Firenze è l’occasione giusta. Il 5 dicembre è dietro l’angolo. Il centrodestra però – aggiunge Toti - si metta in movimento per costruire un’alternativa credibile da proporre agli italiani dopo la vittoria del No”. Parole che suonano come avviso ai naviganti di Forza Italia, partito che il governatore ligure si dice pronto ad archiviare a favore di "nuove forme in grado di garantire la vittoria del centrodestra”.

Una coalizione che farebbe a meno di quel Silvio Berlusconi tuttora silente e chiuso in un remissivo moderatismo tanto da assomigliare, secondo Sgarbi, più alla “Clinton che a Trump”. Lo stesso Berlusconi che ha designato come delfino “federatore” il moderato fino allo spasmo (e perdente) Stefano Parisi. Toti lo liquida così: “Parisi mi sembra intento a lavorare ad altro, a un’area moderata, sulla quale com’è noto nutro molte perplessità”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc
la "piazza " invasa dai datteri di hashish

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU