Tre anni fa tragedia sfiorata

Rave party abusivo in provincia di Bergamo: 200 sgomberati dai Carabinieri

I giovani, probabilmente attraverso un passaparola sui social network, si erano dati appuntamento nell'area dismessa della zona industriale di Zingonia

Redazione
Rave party abusivo in provincia di Bergamo: 200 partecipanti sgomberati dai Carabinieri

Un rave abusivo. Foto ANSA

Dall'una circa di sabato notte e sino alla tarda mattinata di domenica, i Carabinieri della Compagnia di Treviglio sono stati impegnati per garantire il graduale deflusso degli oltre 200 giovani che, probabilmente mediante un passaparola sui social network, si erano dati appuntamento in un'area dismessa della zona industriale di Zingonia per un rave party abusivo.

I primi ragazzi sono arrivati già sabato pomeriggio per un raduno che, come spesso avviene in questi casi, avrebbe presumibilmente visto la presenza di un'ingente quantità di alcol e droga. L'afflusso dei partecipanti non è passato inosservato ai residenti, al punto che è stato richiesto l'intervento dei carabinieri.

Diverse decine di militari dell'Arma hanno circondato la zona in questione evitando l'afflusso di altri giovani, nel frattempo sopraggiunti sul posto, e fatto nel frattempo defluire quelli che già si erano introdotti all'interno dei capannoni abbandonati, sfruttando alcune feritoie presenti nella recinzione esterna dell'area.

L'azione dei carabinieri ha evitato che la situazione potesse degenerare. Identificati molti ragazzi nei confronti dei quali verranno svolti accertamenti per verificarne la posizione in ordine alla partecipazione all'evento illegale. Valutazioni a parte, invece, verranno fatte nei riguardi dei promotori ed organizzatori dell'evento non autorizzato.

Tre anni fa oltre 1.500 giovani, provenienti da mezza Europa, avevano occupato un'area adiacente per tre giorni di raduno, iniziato nella notte di Halloween, durante il quale si era sfiorato il dramma: un giovane che partecipava al rave si era lanciato a tutta velocità con l'auto contro un ponteggio che reggeva una delle consolle e un giovane era rimasto ferito.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Boldrini ci taglia Internet
ma la rete non era sinonimo di libertà?

La Boldrini ci taglia Internet

Mafia: Totò Riina è in fin di vita
il capo dei capi in coma

Mafia: Totò Riina è in fin di vita

È morto Totò Riina
Era in coma dopo due interventi chirurgici

È morto Totò Riina

Ostia, Spada in carcere di massima sicurezza
aveva aggredito a testate un giornalista

Ostia, Spada in carcere di massima sicurezza

Il feretro della "belva" Totò Riina è stato sotterrato, nel cimitero di Corleone
il boss dei boss sotto terra

Il feretro di Riina sotterrato a Corleone


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU