Rivendicazione dei Falchi per la Libertà del Kurdistan

Istanbul, 44 le vittime degli attentati. Arrestati 118 esponenti partito filo-curdo

Sono almeno 36 gli agenti di polizia morti nell'attacco nei pressi dello stadio. Circa 500 poliziotti impegnati solo ad Adana negli arresti e nelle perquisizioni

Redazione
Istanbul, 41 vittime negli attentati. Arrestati 118 esponenti partito filo-curdo

Il luogo della prima esplosione. Foto ANSA

Il bilancio dei morti nel duplice attentato di Istanbul di sabato sera è salito a 44 morti e circa 160 feriti, dopo il decesso di un altro civile per le ferite riportate, secondo quanto riportato dalle agenzie locali. Almeno 36 delle vittime dell'attacco nei pressi dello stadio del Besiktas della megalopoli sul Bosforo erano agenti di polizia. L'atto terroristico è stato rivendicato dal gruppo Falchi per la Libertà del Kurdistan (Tak), una costola 'dissidente' del Pkk. A seguito degli attentati, la polizia ha eseguito numerosi arresti di esponenti del partito filo-curdo Hdp, con l'accusa di legami con il Pkk.

Sono 118 i politici arrestati, tra loro i leader provinciali del partito di Istanbul, Aysel Guzel, e Ankara, Ibrahim Binici. Stando all'agenzia di stampa ufficiale Anadolu, la divisione antiterrorismo della polizia ha effettuato cinque blitz simultanei nelle sedi del partito, sequestrando computer e documenti. 20 le persone arrestate a Istanbul, 17 sono finite in manette nella capitale Ankara, 25 ad Adana, 51 a Mersin e cinque a Manisa. Solo ad Adana hanno partecipato alle operazioni circa 500 poliziotti. Il leader del partito Hdp, Selahattin Demirtas, è stato arrestato lo scorso 4 novembre insieme ad altri dieci deputati.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Corea del Nord pronta ad attaccare gli USA
il ritorno della guerra fredda

La Corea del Nord pronta ad attaccare gli USA

La Guardia Costiera libica: "Le Ong aiutano gli scafisti"
dicono apertamente ciò che l'italia nasconde

La Guardia Costiera libica: "Le Ong aiutano gli scafisti"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU