Piano di sicurezza

Colonia, 1.500 agenti per prevenire altre violenze degli immigrati a Capodanno

Dopo le aggressioni sessuali dello scorso anno, creata una zona di sicurezza attorno alla piazza su cui si affacciano il Duomo e la stazione centrale

Redazione
Colonia, 1.500 agenti per prevenire altre violenze degli immigrati a Capodanno

Le violenze di Capodanno a Colonia. Da hna.de

Dopo i vergognosi fatti avvenuti durante la notte di Capodanno dello scorso anno, con le aggressioni sessuali contro giovani donne da parte di numerosi immigrati, il comune e la polizia di Colonia cercano di correre ai ripari per evitare il ripetersi di episodi simili. Lunedì è stato infatti presentato il piano sicurezza per la notte dell'ultimo dell'anno che, almeno nelle loro intenzioni, dovrebbe evitare il ripetersi di episodi di violenza come quelli avvenuti 12 mesi fa, che hanno dato il via alle polemiche sulla presenza in Germania di un numero eccessivo di immigrati clandestini facendo precipitare la popolarità della cancelliera Merkel.

Tra le misure adottate, l'impiego di 1.500 poliziotti contro i 140 in azione un anno fa e la creazione di una zona di sicurezza attorno alla piazza su cui si affacciano il Duomo e la stazione centrale, nella quale sarà vietato l'utilizzo di petardi e fuochi d'artificio. Nell'area verrà proiettato uno show multimediale di luci realizzato da un artista berlinese. Secondo fonti giudiziarie, in seguito alle violenze dello scorso anno furono presentate oltre 1.300 denunce, 662 delle quali per aggressioni di tipo sessuale, la maggior parte a carico di profughi provenienti dal Nordafrica. Per quei reati, però, finora solo due persone sono state condannate.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Qualcuno salvi Spelacchio!
50mila euro dei contribuenti buttati al vento

Qualcuno salvi Spelacchio!

Turchia in Europa? L'Austria dice "nein". Ed Erdogan sbrocca
populisti al governo con le idee chiare

Turchia in Europa? L'Austria dice "nein". Ed Erdogan sbrocca

L'immigrazione divide l'Unione europea: duro scontro fra la Merkel e Donald Tusk
Orbán: 30 milioni di euro per proteggere le frontiere Ue

L'immigrazione divide l'Unione europea: duro scontro fra la Merkel e Donald Tusk


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU