clandestino meglio che italiano

Senza casa va in tv; sindaco e vicesindaco lo puniscono

Per il povero italiano senzatetto non c’è nulla, perché andando in televisione avrebbe tradito i due amministratori: "Puoi andare anche dal Gabibbo, ma tanto per te la casa non c’è più"

Redazione
Lui, senza casa, va a "dalla vostra parte" e sindaco e vicesindaco lo puniscono

foto da trasmissione

"Dormo in macchina e il Comune non mi aiuta", raccontò, il 13 ottobre scorso, Giovanni Palamara davanti alle telecamere di Rete 4, in collegamento diretto con il giornalista Maurizio Belpietro per "Dalla vostra parte".

Grazie alle telecamere della popolare trasmissione, la situazione di estrema emergenza sociale del cittadino di Somma Lombardo, venne messa a confronto con la condizioni degli immigrati, ospiti delle cooperative, ai quali viene invece garantito vitto e alloggio, oltre agli ormai famosi 35 euro al giorno per il loro sostentamento.

Il pubblico si indignò, e il suo video fece il giro della rete. A quel punto, l'amministrazione comunale, di centro sinistra, garantì che stava lavorando a possibili soluzioni per arginare la grave situazione in cui stava vivendo il povero uomo. Il giorno seguente il vicesindaco e la giunta fecero perfino una dichiarazione: "Siamo preoccupati per la situazione del signor Palamara, da tempo nota e seguita dai Servizi sociali. Ancora oggi stiamo lavorando a possibili soluzioni. Temiamo invece che chi ha preparato il servizio per la trasmissione Dalla Vostra Parte, e chi a livello locale ha dato supporto logistico, lo abbia fatto solo per ragioni solo in termini di audience, e non so quanto stia loro veramente a cuore la triste vicenda personale del signor Palamara".

Da anni, la situazione di Giovanni Palamara è ben nota ai Servizi sociali, ma la sua vita non accenna a cambiare verso per rialzarsi dal fondo in cui è precipitata. Intervistato da Belpietro, se la prese in particolare con il vicesindaco Stefano Aliprandini, del PD, che per mesi, l'estate scorsa, gli avrebbe promesso invano una nuova sistemazione.

Fatto sta che, oggi, dopo due mesi, nulla è cambiato da parte del Comune. E l'impressione è che, siano proprio sindaco e vice sindaco, coloro che non hanno veramente a cuore la vicenda del pover'uomo, il quale punta nuovamente il dito contro il sindaco Stefano Bellaria, e il vice sindaco Aliprandini: "Il Comune continua a non fare niente, nonostante le parole e le promesse. Ho incontrato sindaco e vice sindaco in piazza qualche giorno dopo la puntata e mi hanno detto che per me non c’è nulla, perché andando in televisione li avevo traditi. Hanno aggiunto che posso andare anche dal Gabibbo, ma tanto per me la casa non c’è più. L’ultima volta – racconta Giovanni Palamara - mi hanno detto che la mia unica speranza è andare al dormitorio di Milano. Perché qui per gli extracomunitari c’è tutto, mentre per noi italiani non c’è nulla".

Oggi, il Palamara, grazie alla solidarietà di alcuni amici, non vive più all'interno della panda, ma l'ospitalità, per forza di cose, sarà solo temporanea, in attesa che, i due amministratori, mettano fine alla loro personale vendetta.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Papa Francesco: "Sì allo Ius Soli". Salvini: "Lo applichi in Vaticano, se vuole"
"A Dio quel che è di Dio, a Cesare quel che è di Cesare"

Papa Francesco: "Sì allo Ius Soli". Salvini: "Lo applichi in Vaticano, se vuole"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU