Udienza il 16 maggio

Studentessa modello in Veneto, paladina dell'Isis: a giudizio la marocchina Meriem

Il Gip di Venezia ha disposto il processo per la giovane, latitante forse in Siria, accusata di arruolamento con finalità di terrorismo internazionale

Redazione
Studentessa modello in Veneto paladina dell'Isis: a giudizio la marocchina Meriem

Meriem Rehaily. Da Facebook

Si sarebbe arruolata nelle fila del Califfato in Siria, pronta a dare il suo contributo "fino alla conquista di Roma": questa l'accusa che ha portato mercoledì al rinvio a giudizio a Venezia di Meriem Rehaily, la giovane studentessa marocchina modello, appassionata di informatica e in Italia da dieci anni, che si sarebbe trasformata in pochi mesi in una terrorista pronta a immolarsi per la causa dell'Isis. Accogliendo le richieste della procura antiterrorismo, il Gip di Venezia ha disposto il giudizio per la giovane per il reato di "arruolamento con finalità di terrorismo internazionale" fissando l'udienza per il 16 maggio prossimo. Meriem al momento è latitante, di lei si sarebbero perse le tracce da quel 14 luglio 2015 quando si allontanò di casa, da Arzegrande (Padova) per seguire il richiamo del jihad. Su di lei pende un mandato di arresto richiesto e ottenuto nel giugno scorso dalla stessa procura lagunare.

"Il rinvio a giudizio - dice il procuratore aggiunto Adelchi D'Ippolito - è il risultato di una complessa e impegnativa attività d'indagine svolta dalla procura antiterrorismo di Venezia". Un punto che segna un tassello importante nell'articolato fronte d'indagine che la struttura guidata da D'Ippolito sta portando avanti da tempo sulle diverse realtà del terrorismo che possono coinvolgere anche il Veneto. Il "caso" Meriem era emerso dalle indagini compiute dai carabinieri dei Ros di Padova che avevano scavato nella vita di una ragazza appena 19enne che da appassionata di informatica proprio nella rete avrebbe trovato la sua nuova "strada". Erano stati proprio i messaggi e i file audio scambiati con le amiche a tracciare un nuovo profilo di Meriem, pronta ad abbandonare i familiari e una vita spensierata per imbarcarsi in un aereo che da Bologna l'aveva portata a Istanbul, e da lì in Siria, per ingrossare le fila dei combattenti del Califfato. Una fuga progettata e attuata grazie agli amici conosciuti in internet. "Scusa cara mamma - scriveva 'Rim l'italiana' come era nota in rete - ci vediamo in Paradiso".

Meriem potrebbe fare o aver fatto parte della brigata Al Khansa, composta esclusivamente da donne, soprattutto di origini europee e russe, addestrate all'uso delle armi e degli esplosivi. Le sue ultime tracce la davano sotto i bombardamenti di Rakka. "Ho chiamato i miei genitori sotto le bombe" diceva, non nascondendo la commozione, in un file audio scambiato con una amica. Nei colloqui con i genitori avrebbe pianto ma sempre detto no agli inviti a tornare a casa. A spingere Meriem ad abbracciare la causa di al-Baghdadi, al punto da scrivere alle compagne "non vedo l'ora di piegare uno e togliergli la testa", la visione di un video su internet che, come aveva riferito una delle sue insegnanti, l'aveva portata negli ultimi giorni trascorsi sui banchi di scuola ad una riflessione. Per avere la meglio su quelli che definiva i "nemici sionisti", la ragazzina non vedeva che una sola strada: "Dobbiamo rispettare la nostra religione anche a costo di morire - riportava con una calligrafia ordinata e precisa - anche allevando i nostri figli secondo i valori islamici, rendendoli pronti per il loro ruolo nella lotta".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo
non la lasciano in pace neanche da morta

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo

Latina, sorprende ladro, spara e ne uccide uno
Avvocato esplode 8 colpi di pistola

Latina: sorprende ladro, spara e ne uccide uno

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Latina, sorprende ladro, spara e ne uccide uno
Avvocato esplode 8 colpi di pistola

Latina: sorprende ladro, spara e ne uccide uno

Immigrati, la lettera del poliziotto ad un giornale: "Ma questa è un'invasione"
un agente svela cosa c'è dietro gli sbarchi dalla tunisia

Immigrati, la lettera del poliziotto ad un giornale: "Ma questa è un'invasione"

Scoppia la lite nel suk di Torino, nigeriano accoltella e uccide un italiano
da tempo i cittadini dicono no al ghetto dei clandestini

Scoppia la lite nel suk di Torino, nigeriano accoltella e uccide un italiano


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU