Criminali padroni sui convogli

Milano, gang di immigrati tiene in ostaggio il treno: accoltellamenti, rapine e minacce

Tre giovani africani, di cui uno clandestino, hanno terrorizzato i passeggeri diretti a Piacenza, accoltellando un 19enne e picchiando un uomo di mezza età che aveva provato a soccorrerlo. Chissà se queste gentili risorse saranno poi effettivamente espulse

Redazione
Milano, gang di immigrati tiene in ostaggio il treno: accoltellamenti, rapine e minacce

Sangue sul treno

Risorse in azione sui treni, ormai trasformati in terra di nessuno dal lassismo di sinistra. La paura corre sui binari, per chi sui convogli lavora e per i passeggeri costretti a guardarsi le spalle. Perché i delinquenti, soprattutto immigrati, ormai la fanno da padrone. L’altro giorno tre africani, di cui uno clandestino, sono stati arrestati fuori dalla stazione di Lodi per rapina, tentata rapina, minacce e lesioni.

Le giovani risorse, un nigeriano irregolare di 24 anni e due marocchini di 25 e 21 anni, hanno preso in ostaggio il treno partito da Milano e diretto a Piacenza. Sono saliti a Rogoredo seminando il panico tra i viaggiatori, terrorizzando chiunque trovassero sulla loro strada. Hanno aggredito un 19enne ivoriano, accoltellandolo sotto l’ascella: il ragazzo è finito al pronto soccorso. La gang l’aveva prima minacciato poi picchiato e accoltellato per sottrargli il cellulare e il portafoglio.

Poi queste “bestie” si sono accanite contro un uomo di mezza età, anch’egli ivoriano, che aveva avuto il coraggio di soccorrere il ragazzo brutalizzato. La banda di criminali l’ha malmenato, minacciato, quindi l’hanno costretto a scendere dal convoglio a Tavazzano. Le tre risorse sono poi scese a Lodi per compiere l’ultima atto della scorribanda prima dell’arresto: hanno bersagliato il treno con pietre raccolte dalla massicciata, rischiando di colpire i passeggeri. Costoro sono stati arrestati dalla polizia all’esterno della stazione lodigiana. La speranza è che vengano espulsi al più presto, clandestini o regolari che siano. Gli italiani non vogliono più rischiare la vita perché il governo PD fa entrare chiunque senza procedere con i rimpatri. La misura è colma.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Perfino Cacciari da ragione a Salvini
"PRIMA GLI INTELLETTUALI!"

Perfino Cacciari dà ragione a Salvini

Lodi, scoppia la protesta delle mamme musulmane
contestano le nuove regole per le prestazioni agevolate

Scuola a Lodi, scoppia la protesta delle mamme musulmane


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU