Islam assassino

Carneficina di Orlando, l'Isis conferma: "Omar era un nostro combattente"

Oltre 100 tra morti e feriti nel locale gay. Gli jihadisti esultano: "Regalo per il Ramadan". Salvini: "Controlli ed espulsioni prima che sia tardi!"

Redazione
Strage al club gay in Florida, 50 morti. L'Isis: "Era un nostro combattente"

Il terrorista, l'intervento della polizia e i parenti delle vittime. Foto ANSA

Strage di matrice islamica in Florida, a Orlando: un uomo armato ha fatto irruzione alle due di notte in un locale gay e ha cominciato a sparare all'impazzata uccidendo 50 persone e ferendone 53. L'uomo, armato di un fucile d'assalto, si era barricato dentro al "Pulse" con degli ostaggi ma è stato ucciso dalla polizia. Il killer sarebbe stato identificato: si chiama Omar Mateen, trentenne americano, di origine afghane. In serata è arrivata la rivendicazione dello Stato Islamico attraverso l'Amaq, l'agenzia di stampa del Califfato, riferisce il Site: il killer della strage di Orlando "era un combattente dell'Isis". Nel testo della rivendicazione riportato dalla direttrice del Site Rita Katz in un tweet si legge che una fonte ha detto all'agenzia Amaq: "L'attacco che ha preso di mira il gay club di Orlando, in Florida, e che ha provocato 100 tra morti e feriti, è stato compiuto da un combattente dello Stato islamico".



La dinamica non è stata molto diversa da quella della strage al Bataclan di Parigi. Al momento dell'irruzione, sulla pagina Facebook del club era stata postata la scritta: "Uscite dal locale e mettetevi a correre". Gli agenti hanno fatto brillare un ordigno fuori dal locale. Sul corpo del killer, che avrebbe avuto anche un secondo possibile ordigno nell'auto, è stato rinvenuto un congegno esplosivo. C'erano più di 100 persone all'interno del locale. Il terrorista ha cominciato a sparare all'impazzata contro il soffitto e contro la folla che ballava sulla pista. Chi si trovava accanto al bancone del bar, riferiscono i testimoni, è riuscito a scappare dalle uscite posteriori.



L'uomo si è quindi barricato all'interno del locale, tenendo in ostaggio diverse persone per circa tre ore. Almeno nove agenti di polizia sono intervenuti cercando di sbloccare la situazione; alle 5 di mattina è apparso un tweet della polizia della Florida che riferiva della morte del killer. Finito l'incubo, resta un bilancio è pesante: almeno 50 i morti, 53 i feriti; sono invece 30 le persone tratte in salvo. Nella conferenza stampa, il capo della polizia ha riferito che l'uomo era armato di un fucile d'assalto, di una pistola e di un altro tipo di ordigno non identificato. Probabilmente, c'era anche un altro ordigno nell'auto del terrorista.



Durante l'assalto, foto di ambulanze, polizia e corpi a terra o sulle barelle sono state scattate e condivise sui social network da chi è riuscito a scappare dal Pulse club. Gli jihadisti stanno celebrando sul web la sparatoria di Orlando come "il miglior regalo per il Ramadan". Lo twitta Rita Katz, direttrice del Site, il sito di monitoraggio delle attività jihadiste in rete. I jihadisti, riferisce il Site, lodano il killer: "Possa Allah accogliere l'eroe che lo ha fatto e ispirare altri a fare lo stesso".



"Omar Seddique Mateen, l'autore della strage in un locale gay di Orlando (50 morti) - commenta Matteo Salvini - era noto all'Fbi come potenziale terrorista islamico. Secondo i giornali americani, simpatizzava per i talebani e nelle ultime ore avrebbe chiamato il 911 per giurare fedeltà all'Isis. Una preghiera per le povere vittime, - conclude il leader leghista - e tanta rabbia per chi fa finta di non vedere: il fanatismo islamico purtroppo ce l'abbiamo in casa, controlli ed espulsioni prima che sia tardi!"

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU