Nigeriani "portoghesi" la mandano all'ospedale

"Biglietto, prego". E invece botte della malora. Capotreno picchiato

La donna, 45 anni, ha chiesto il biglietto a tre stranieri che hanno reagito spintonandola con violenza, graffiandola e ferendola

Fabio Montoli
"Biglietto, prego". E invece botte della malora. Capotreno picchiato

Foto ANSA

Vi avevamo lasciato, un mesetto fa, con il capotreno, in servizio sulla tratta Verona-Brennero, costretto a fermare il treno per far scendere 80 immigrati sprovvisti di biglietto, esausto della ormai insostenibile situazione che, giornalmente, si ripete. Sabato pomeriggio, stessa tratta, un capotreno donna in servizio, è stata costretta a far ricorso alle cure del pronto soccorso dopo essere stata aggredita da tre immigrati nigeriani che erano stati trovati sul treno, guarda caso, privi di biglietto.

L’episodio è avvenuto nel tratto Ala-Rovereto su un treno regionale veloce diretto al Brennero. La capotreno è incappata nei tre stranieri durante il normale controllo dei biglietti. Nessuno del gruppetto era provvisto di biglietto, se non della tessera fornita dalla provincia di Trento per la sussistenza. A quel punto ai tre immigrati è stato intimato di pagare il biglietto direttamente in treno, probabilmente con una piccola sovrattassa. La richiesta ha però innervosito i nigeriani, e mentre il treno raggiungeva, proprio in quel frangente, la stazione di Rovereto, dove i tre stranieri intendevano scendere, uno dei tre ha iniziato ad aggredire verbalmente e fisicamente la povera capotreno.

La donna, che è stata anche pesantemente minacciata, è stata spintonata con violenza contro una parete dello scompartimento e graffiata con rabbia lungo tutto un braccio. I tre le hanno strappato di mano la tessera e sono scesi precipitosamente dal treno che poco dopo è ripartito.  La donna, sotto choc, una volta giunta a Bolzano (dove abita) si è recata al pronto soccorso dell’ospedale di San Maurizio per una visita di controllo, denunciando quanto avvenuto. È stata medicata e dimessa con una prognosi di una settimana. L’episodio ha ovviamente creato nuovo allarme per il problema della sicurezza sui treni e soprattutto su quelli più a rischio, quelli della tratta Bologna-Verona-Brennero.

Un episodio simile era avvenuto anche qualche mese fa, e la situazione è sempre più allarmante, tanto che proprio in questi giorni è stata indetta una manifestazione per il giorno 19 di luglio, organizzata dalla Lega Nord di Verona e Trento, contro l'abusivismo clandestino sulla tratta del Brennero. Alcuni militanti del movimento, saliranno sul treno alla stazione di Verona, e daranno il via ad una staffetta con Trento e Bolzano, fino ad arrivare al confine, per controllare e prevenire, simbolicamente, gli episodi di violenza e scoraggiare i soliti "portoghesi".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina
Non sarà mai il nostro stile di vita

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU