Piccoli imprenditori italiani : "Razza in via di estinzione".

roberto Angelini de flaviis
I piccoli commercianti sono ormai una "razza" in via di estizione ed al contrario delle razze animali neanche protetti .La mia ad esempio , è una famiglia di ex emigranti , gestiamo da circa 20 anni un Bar tabacchi, rilevato al rientro dalla Svizzera nel lontano 1990 .I locali di proprietà della ns. famiglia sono situati su una trafficata strada provinciale. Circostanze queste che ci hanno motivato a non mollare durante tutto questo lungo e durissimo periodo di crisi, iniziato dal 2007 ca. quando l'Euro con tutti i vincoli introdotti ed in seguito inaspriti da Monti & co. (C.I.V. etc.) ha cominciato a mordere , restringendo tutte le vecchie forme di "Finanza creativa", che permettavano tra l'altro di allungare in qualche modo i pagamentie tirare avanti. Scrivo però questi appunti anche in qualità di rappresentante di una costituenda Associazione di partite iva della Val vibrata "APIVAL" Purtroppo nonostante tutti gli sforzi e gli espedienti possibili ,per tanti commercianti ed artigiani gli incassi sono pian piano calati e le tasse , le imposte ed i vari obblighi sono diventati sempre più gravosi,molti impegni con le Banche sono andati in sofferenza e morosità. Alcuni hanno impeganto anche beni e proprietà. In questi ultimi tempi se da un lato si è iniziata a registrare una sintomatica ripresa , dall'altro sono molte le imprese oberate di impegni con bollette in scadenza, mutui da chiudere e tasse pregresse da pagare,ipoteche etc . questa situazione riguarda circa un 60 % delle piccole ma anche alcune grandi attività. In Abruzzo infatti sono state chiuse circa 5000 piccole imprese negli ultimi 5 anni . Quello che queste piccole ma importanti realtà chiedono oggi al nuovo Governo , è un impegno per ridurre l'impatto della stretta creditizia in atto e dare una concreto impulso per il ripianamento delle varie situazioni debitorie ed esattoriali delle piccole attività : Banche e Poste ad esempio continuano a bloccare conti correnti ed elevare protesti al minimo assegno impagato o difficolta di pagamento, anche se qualche istituto recentemente sembra intenzionato a non protestare .Per evitare tali deleterie pratiche c'è assoluta necessità di un nuovo istituto di arbitrato , che preveda tempi più lunghi e verifiche più congrue atte a valutare il reale stato di incapacità e/o volontà di solvenza , prima di danneggiare irrimediabilmente il merito creditizio di un impresa ed evitare soprattutto iscrizione in C.A.I.Considerato che mentre le Banche hanno snellito le procedure coattive di pagamento ,pignoramento etc. per le imprese le procedure per la riabilitazione sono rimaste al palo difatti la burocrazia è complessa e costosa ed i tempi medi per la riabilitazione di un impresa variano da uno a tre anni in media. Ulteriore piccola beffa oltre il danno , dato il delicato frangente , i Bancomat sono abilitati solo con pezzi da 50 e 20 € il che complica non poco la circolazione del denaro, se infatti le Banche hanno un precipuo scopo statutario, immagino sia sostanzialmente quello della facilitazione degli scambi commerciali, pare però che questi enti non abbiano remore e tantomeno sensibilità etica , dato che proprio di morale sono evidentemente prive.Le insolvenze verso enti ed amministrazioni ,necessitano inoltre di una più ampia applicazione della legge 3/2012 o ancora meglio un decreto come la c.d. "Pace fisacale" con analoghe prerogative, per chiudere quanto più possibile queste gravose posizioni .

64027 Sant'Omero TE, Italia

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ci siamo giocati il Padre Nostro! La Chiesa lo cambia
Salvini a Napoli, si scatenano le zecche rosse
Tensione al sit-in, giovane colpito

Salvini a Napoli, si scatenano le zecche rosse

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU