Il business dell'accoglienza

Valtellina: "Guadagnamo di più con i profughi" e l'albergo non accetta i turisti

Il titolare dell'Hotel Bellevue di Cosio, tre stelle che offre "calcio, tennis e wellness", ha deciso che nella struttura non c'è più spazio per i "non migranti"

Redazione
Valtellina: "Guadagnamo di più con i profughi" e l'albergo non accetta i turisti

Da Facebook

Cosio, comune di 4mila abitanti nella bassa Valtellina: qui ha sede l'Hotel Bellevue, che da diversi anni ospita fra i 50 e i 70 richiedenti asilo non senza episodi di tensione, come quando scoppiò una rivolta come porte sfondate e la figlia del titolare finita in ospedale. Da giovedì sul sito dell'albergo, pubblicizzato come un tre stelle che offre "calcio, tennis e wellness", compare la dicitura "momentaneamente chiuso". L'albergatore, il 59enne Giulio Salvi, ha detto basta ai turisti e ha deciso che nella sua struttura non c'è più spazio per i "non migranti": preferisce avere un introito sicuro per 12 mesi all'anno. Salvi si dice orgoglioso della propria scelta, affermando che la normale clientela è calata e quindi ha preso una decisione che ritiene giusta: "Ho più soddisfazioni a livello economico e umanitario".

La figlia dell'albergatore, convertita all'islam, era stata protagonista nel novembre del 2015 di uno scontro televisivo con Matteo Salvini, dopo una sua affermazione in base alla quale le donne che indossano gonne corte invitano ad essere stuprate. Già allora il leader leghista aveva contestato a Fatima, che prima della conversione si chiamava Silvia, di aver speculato sul business dell'accoglienza guadagnando oltre un milione di euro. Più volte gli esponenti leghisti, ad ogni livello, hanno criticato la scelta della famiglia di ospitare gli immigrati nella struttura ricettiva, invitando il signor Salvi a vendere l'albergo e trasferirsi in Africa se animato da spirito missionario, facendo presente che quelli ospitati sono in gran parte clandestini che non fuggono da nessuna guerra: "Prima vengono i nostri disoccupati".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

La libertà è finita, arriva il reato di opinione
Il Parlamento discute la legge sulla c.d. omofobia

La libertà è finita, arriva il reato di opinione

Buffalo, si dimettono 57 agenti della squadra rapida
i loro colleghi hanno buttato a terra un anziano

Buffalo, si dimettono 57 agenti della squadra rapida

Alé, venite tutti: avanti, c'è posto!
parte la regolarizzazione degli immigrati

Alé, venite tutti: avanti, c'è posto!

Catania, rapina shock: senegalese rompe bottiglia e ferisce lui per rubare bici a lei
Incendio nel quartiere "etnico" di Zingonia
a fuoco struttura abbandonata ribattezzata lo scheletro

Incendio nel quartiere "etnico" di Zingonia


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU