Dovevano pagare 30.000 euro

Sfruttamento della prostituzione: arrestati a Trento quattro nigeriani

Reclutavano in Nigeria ragazze fra i 20 e i 30 anni con la promessa di un lavoro, poi le sottoponevano a riti voodoo per costringerle a prostituirsi da noi

Redazione
Sfruttamento della prostituzione: quattro immigrati nigeriani arrestati a Trento

Prostitute nigeriane

Reclutavano in Nigeria ragazze fra i 20 e i 30 anni con la promessa di un lavoro, poi le costringevano a prostituirsi. Si tratta di quattro nigeriani, arrestati martedì dalla polizia di Trento con le accuse di tratta di esseri umani finalizzata allo sfruttamento della prostituzione, riduzione in schiavitù e immigrazione clandestina. Altri quattro immigrati, loro complici, risultano al momento latitanti.

Le giovani, secondo quanto scoperto dalla squadra mobile della polizia, venivano ingannate con la prospettiva di un impiego in Europa e sottoposte a riti voodoo, in modo da vincolarle con un debito di 30.000 euro, sotto forma di spese per raggiungere l'Italia. Viaggiavano sui barconi in partenza da Sebhrat o da Tripoli, giungendo nei centri di accoglienza e, una volta uscite, finivano in appartamenti per essere sfruttate come prostitute. Le modalità di arrivo erano state raccontate da una delle giovani a degli agenti della squadra mobile di Bologna lo scorso anno e da lì erano partite le indagini.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, le giovani venivano sottoposte a violenze nei campi profughi di Sebhrat o di Tripoli, ma anche a minacce di morte nei loro confronti o per i loro familiari, nel caso non avessero pagato i 30.000 euro di debito. Una cifra che dovevano raggiungere prostituendosi in Italia. Il denaro ricavato dalla presunta organizzazione criminale veniva trasferito in Nigeria tramite i money transfer e utilizzato sia per finanziare la prosecuzione dell'attività criminale che per investimenti immobiliari da parte delle famiglie degli indagati.

L'operazione, denominata Justice, è stata coordinata dalla Dda di Trento e ha visto impegnate, oltre alla sezione di polizia giudiziaria della Procura di Trento e la polizia francese, anche le squadre mobili delle questure di Trento, Bologna, Bolzano, Viterbo e il commissariato della polizia di Merano.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bologna, l'avvocatessa con velo torna in aula. Col velo
la giustizia non è uguale per tutti

Bologna, l'avvocatessa con velo torna in aula. Col velo

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire
"non si può stare col capo coperto"

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU